• 3 Luglio 2022 14:05

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Nuove multe per chi trucca le bici elettriche

Giu 22, 2022

Il Nuovo Codice della Strada si estende a e-bike e monopattini elettrici: con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del Decreto Legge 16 Giugno 2022 n. 68, vengono introdotte importanti novità soprattutto per quanto riguarda le bici elettriche e tutti i cosiddetti “velocipedi”, normati dall’articolo 50. Nascono due nuove classificazioni di velocipede: quella per il trasporto merci e quella costituita dai mezzi elettrici su due e tre ruote, cioè bici elettriche e monopattini. E vengono introdotte multe salatissime per chi modifica le bici elettriche.

Le novità del CdS per le e-bike

Sono ormai lontani i tempi in cui si affacciavano sul mercato e-bike straordinarie capaci di prestazioni record. In Italia, almeno, le bici elettriche che superano i 45 km/h sono da oggi considerate a tutti gli effetti ciclomotori: è quanto riportato dal Decreto Legge 16 Giugno 2022 n. 68, che modifica il Codice della Strada. Vengono aggiornati, tra gli altri, gli articoli 47 e 50 del CdS, quelli cioè che riguardano la classificazione dei veicoli e la regolazione dei velocipedi, cioè i mezzi a due o tre ruote a trazione muscolare oppure a pedalata assistita.

Sono istituiti i “velocipedi adibiti al trasporto di merci”, cioè quelli usati per le consegne a domicilio: secondo il nuovo Codice della Strada questi mezzi “devono avere un piano di carico approssimativamente piano e orizzontale” che non può superare determinate dimensioni, ma possono montare motori più potenti rispetto alle altre bici elettriche.

Ma una delle novità più rilevanti riguarda chi usa le e-bike, per uso personale o professionale, al di fuori dei limiti stabiliti dalla normativa: chiunque effettui delle modifiche ai in modo che le e-bike superino la velocità massima già prevista dal Codice della Strada, pari a 25 km/h, si espone a multe salatissime. E sono previste pesanti sanzioni anche per chi fabbrica, produce o vende bici elettriche capaci di superare velocità e potenza nominale consentite.

Le multe per chi trucca le bici elettriche

Quella delle bici elettriche truccate è una questione ancora aperta: quando nel 2020 Quattroruote pubblicò l’indagine sulle abitudini di clienti e rivenditori di “truccare” le e-bike, i numeri erano già quelli di un’emergenza. Quasi il 30% dei rivenditori aveva allora acconsentito a modificare le e-bike in modo che superassero i 25 km/h imposti dalla legge – oltre che dal buon senso.

Le bici elettriche non possono e non devono essere considerate come sostituti dei motorini di piccola cilindrata: se per guidare un ciclomotore è necessaria una patente, e questo vale anche per le e-bike che raggiungono i 45 km/h, un motivo c’è – e risiede, molto semplicemente, nei principi della sicurezza stradale.

Così il nuovo Codice della Strada, aggiornato e adeguato ai nuovi mezzi di trasporto a emissioni zero, istituisce una multa che va da 845 a 3.382 euro per chiunque effettui sulle bici elettriche “modifiche idonee ad aumentare la potenza nominale continua massima del motore ausiliario elettrico o la velocità” del mezzo. La multa invece per chi vende o produce bici elettriche che superano i 25 km/h va dai 1.084 ai 4.339 euro.

Se si viene sorpresi a sfrecciare su un’e-bike oltre le velocità consentite, inoltre, ci si vedrà addebitare tutto quanto dovuto per la circolazione su ciclomotore, dalla mancanza di immatricolazione e copertura assicurativa del mezzo fino all’eventuale guida in assenza di casco e patente idonea – da cui possono scaturire sanzioni per migliaia di euro.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close