• 18 Maggio 2021 0:33

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Piero Taruffi e il Sacro Graal dei libri sull’auto

Lug 1, 2016

Vallelunga. Gara del campionato italiano velocità. Sala stampa. Una corsa un po’ noisa e giornalisti che ciondolano qua e là. Nella vetrina in fondo alla grande stanza piena di Pc ci sono i cimeli del grande Piero Taruffi: caschi, tute, coppe. L’autodromo di Vallelunga è stato progettato da Taruffi stesso ed è a lui che è intotolato, normale celebrare il mito così.

Ma sbirciando nell’incredibile mole di memorabilia abbiamo trovato qualcosa di unico: il Sacro Graal dei libri a motore. Ossia le note prese di proprio pugno da Piero Taruffi per realizzare un gigantesco road book della Mille Miglia del 1957, poi vinta – con l’aiuto di questi appunti – da Taruffi su Ferrari. Un libro straordinario, anche di grande valore: “Un ritrovamento eccezionale anche dal punto di vista bibliofilo – spiega Filippo Rotundo Presidente di Philobiblon auctions, una delle più grandi case d’aste del mondo specializzata in libri rarissimio – infatti l’amore per i libri, la bibliofilia appunto, si differenzia dai memorabilia in generale fornendoci l’aspetto più intimo e umano di un grande campione, meticoloso al punto di vergare di suo pugno ogni singolo momento delle sue note ricognizioni. Il suo valore è inestimabile, ma dovendo per forza valutarlo direi siamo nell’ordine dei 100 mila euro”.

Condividi

Il volume, la cui genesi abbiamo fatto raccontare da Prisca Taruffi stessa, ex corridrice e figlia del leggendario pilota, fra l’altro svela l’incredibile meticolosità di Taruffi. E leggerlo (emozione a parte di tenerlo fra le mani) fa davvero paura: le velocità segnate a cui affrontare frenate, rettilinei, curvoni, sono spesso oltre i 250 orari, a volte oltre i 300. Il tutto sfiorando pali, case, muretti e dossi. Da brivido.

Ma l’analisi del libro ci regala anche un’altra incredibile ricostruzione storica: Piero Taruffi aveva mandato a memoria tutti i 1600 km della Mille Miglia. Pazzesco ma vero. Grazie ai suoi appunti, ai sopralluoghi fatti con la sua Lancia e la moglie e alla sua meticolosità da ingegnere, ogni cunetta, curva o insidia trovava un buchetto nella sua mente. Così si spiega l’incredibile rinuncia fatta dal pilota prima della gara: nessun copilota (per aiutarlo a leggere le note, come nei rally di oggi) come facevano tutti gli altri concorrenti, ma corsa in solitaria.

Condividi

Il resto è storia, leggenda: il trionfo su Ferrari, la promessa fatta alla moglie di abbandonare le corse in caso di vittoria. Ma anche la fine delle gare su strada: la Mille Miglia del 1957 fu funestata dal tragico incidente del Marchese De Portago su Ferrari che fece strage di spettatori. E si decise di porre fine a questo tipo di competizioni pericolosissime. “Sfiorare l’albero di sinistra per impostare bene il prossimo curvone veloce a destra” si legge in un punto delle note. Lì la Ferrari di Taruffi nel 1957 viaggiava a 280 orari… Brividi.

Condividi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close