F1, Gp Malesia 2016: la cronaca della gara in diretta

Il mese di settembre non ha portato i frutti sperati a Lewis Hamilton: il pilota inglese, protagonista di una straordinaria rimonta sul rivale per il titolo, Nico Rosberg, non ha centrato la vittoria dopo la pausa estiva, finendo per subire il controsorpasso in classifica da parte del compagno di squadra, dopo il successo – il terzo di fila – di quest’ultimo a Singapore. A Sepang, però, la musica sembra essere cambiata: Hamilton in qualifica è stato protagonista di una prestazione monstre, che gli ha permesso di infrangere il record della pista. Vincere il Gran Premio della Malesia potrebbe permettere al campione del mondo in carica di mettere il fiato sul collo di Rosberg.

Nico Rosberg, dal canto suo, non starà certo a guardare: già alla partenza, sarà pronto a beffare il rivale allo scatto dalla prima fila. Prima fila, peraltro, da cui ha rischiato di essere escluso: il suo primo tentativo nella Q3 è stato tutt’altro che esaltante. Rosberg, però, è riuscito a rifarsi con il secondo crono, senza però impensierire Hamilton. La gara in Malesia – condizionata dall’afa e dall’umidità di Sepang – è lunga, e la famigerata curva 15, in cui diversi piloti sono finiti lunghi o addirittura in testacoda, potrebbe favorire dei sorpassi.

Alle spalle di Hamilton e Rosberg scalpitano i due alfieri della Red Bull, Max Verstappen e Daniel Ricciardo: l’olandese e l’australiano hanno monopolizzato la seconda fila, e cercheranno di approfittare di eventuali errori o ambasce delle Frecce d’Argento per portarsi nelle zone nobili del podio. A meno di sorprese, però, in gara la vera lotta sarà con i due piloti della Ferrari, che occupano la terza fila dello schieramento del Gran Premio della Malesia.

Il rammarico di Sebastian Vettel – quinto – per la sua prestazione in qualifica era evidente; il pilota tedesco ha mancato la seconda fila per poco più di un decimo. Il quattro volte campione del mondo spera di fare meglio in gara al Sepang International Circuit, teatro della sua prima vittoria per la Ferrari, lo scorso anno. Sono dolci anche i ricordi malesi di Kimi Raikkonen – sesto -, che qui colse il primo successo in carriera, nel lontano 2003.

Di vittorie in Malesia è esperto anche Fernando Alonso, tre volte trionfatore a Sepang. I fasti del podio, però, sono ora lontani per il pilota della McLaren, cui è stata comminata una penalità di ben 45 posizioni in griglia, per la ripetuta sostituzione di svariate componenti della power unit. Se la gara per Alonso sarà in salita, meglio è andata al compagno di squadra, Jenson Button, nono in qualifica. Per il pilota inglese, peraltro, il Gran Premio della Malesia è la corsa numero 300 in Formula 1 della sua carriera.

La gara prenderà il via alle 09.00 italiane.

1di 36