• 14 Agosto 2022 15:09

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Migranti, le Ong reagiscono indignate. Cei: «Accuse ipocrite e vergognose»

Apr 24, 2017

Le Organizzazioni non governative reagiscono con indignazione alle accuse del vicepresidente della Camera, Luigi Di Maio, sul ruolo di alcune ong attive nel salvataggio dei migranti nel mar Mediterraneo. Dopo la difesa di ieri dell’ex premier Matteo Renzi, oggi sono scesi in campo anche il ministro della Giustizia, Andrea Orlando e la Cei. In serata, dopo che dal blog di Grillo si torna a chiedere tutta la verit sul ruolo delle Ong, Di Maio controreplica: Chi reagisce chiudendosi a riccio o minacciando evidentemente ha qualcosa da nascondere.

Cei: accuse ipocrite e vergognose

Fermo restando che queste accuse debbano trovare dei riscontri che finora non ci sono stati. Credo che queste accuse abbiano dietro una visione ipocrita e vergognosa di chi non vuole salvare in mare persone in fuga e di chi non vuole fare canali umanitari attraverso i quali le persone potrebbero arrivare in sicurezza, combattendo cos ci che va combattuto realmente: il traffico di esseri umani che finanzia il terrorismo. Lo ha detto il direttore di Migrantes (Cei), mons. Giancarlo Perego, a Tv2000, sulle polemiche relative alle Ong.

“Polemica strumentale che nasconde le vere responsabilit di istituzioni e politiche, che hanno creato questa crisi umanitaria lasciando il mare come unica alternativa e hanno fallito nell’affrontarla e nel fermare il massacro”

Medici senza frontiere

Msf: indignati, reagiremo

L’organizzazione medico-umanitaria Medici senza frontiere si detta indignata per i cinici attacchi al lavoro delle ong in mare da parte di alcuni esponenti della politica, che hanno visto nelle ultime ore un crescendo di veleni e false accuse e ha annunciato che valuter in quali sedi intervenire a tutela della propria azione, immagine e credibilit. Per Msf si tratta di una polemica strumentale che nasconde le vere responsabilit di istituzioni e politiche, che hanno creato questa crisi umanitaria lasciando il mare come unica alternativa e hanno fallito nell’affrontarla e nel fermare il massacro. E ribadisce che se ci fossero canali legali e sicuri per raggiungere l’Europa le persone in fuga non prenderebbero il mare e si ridurrebbe drasticamente il business dei trafficanti e che se ci fosse un sistema europeo di aiuti e soccorsi in mare non ci sarebbe bisogno delle ong.

Chi dice che salvando vite le ONG possono rappresentare “fattore di attrazione”, non dice che alternativa lasciare morire la gente in mare

MediciSenzaFrontiere(MSF_ITALIA)

I soccorsi sono coordinati dalla Guardia costiera italiana

Msf ha anche ribadito che i soccorsi avvengono sotto il coordinamento e le indicazioni della Guardia Costiera italiana e che le ong non ricevono telefonate dirette dai trafficanti. Ha spiegato che le ong lavorano in acque internazionali e solo in pochi casi eccezionali, in presenza di naufragi imminenti e sotto autorizzazione delle autorit competenti, sono entrate in acque libiche. La Ong ha anche ricordato che il lavoro di Msf in mare sostenuto esclusivamente da fondi privati, ma anche che non ci sono prove che i soccorsi siano un fattore di attrazione. Per Msf le persone disperate, torturate, afflitte da guerre, persecuzioni e povert continueranno a partire. E fino a quando non verranno garantiti canali legali e sicuri per arrivare in Europa i migranti continueranno a rischiare e perdere la propria vita nel Mediterraneo. Medici senza Frontiere esporr il proprio punto di vista alle istituzioni il 2 maggio, nel corso di un’audizione alla Commissione Difesa del Senato.

Save The children: la nostra missione salvare i bambini

Indignata anche la reazione di Valerio Neri, direttore generale di Save the Children Italia: Le operazioni della nostra nave avvengono sotto il coordinamento della Guardia Costiera italiana e respingiamo con forza ogni accusa della pi minima connessione con i trafficanti. La ‘Vos Hestia’ opera solo in acque internazionali e non mai entrata in acque libiche. Neri ha anche ricordato che la missione di Save the Children quella di salvare i bambini e non possiamo rimanere a guardare mentre affogano. Ha ringraziato il premier Paolo Gentiloni che ha invitato a non criminalizzare in maniera generalizzata Ong che da molti anni aiutano la gente a sopravvivere in tutte le parti del mondo. Quanto ai finanziamenti, ha precisato Neri, c’ tanta gente, dall’Italia all’America a Hong Kong che non sopporta di vedere affogare le persone. Si rende conto delle problematiche dell’accoglienza in Europa ma anche del dramma di queste centinaia di migliaia di persone chiuse tra due inferni, quello del Sahara e quello della Libia, e d il suo contributo con donazioni alla nostra causa.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close