• 23 Giugno 2021 20:06

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Tokyo continua a volare e spinge le Borse europee

Ott 24, 2017

MILANO – Il Nikkei della Borsa di Tokyo continua a macinare record con il sedicesimo rialzo consecutivo: un supporto ai mercati europei che affonda le sue radici nell’ampia affermazione elettorale del premier Shinzo Abe. Una vittoria che conforta gli investitori sulla prosecuzione delle politiche ultra-espansive della Banca centrale giapponese. L’indice del Sol levante ha aggiornato stamane il record storico dalla sua creazione nel 1950, snobbando il dato sul manifatturiero rallentato ad ottobre: ha guadagnato lo 0,5% a 21.805,17 punti mentre il più ampio indice Topix ha chiuso con un progresso dello 0,67% a 1.756,92 punti. L’Europa si muove più cauta in attesa delle mosse della Federal Reserve (si intersecano le decisioni sui tassi e le scelte di Trump per la successione di Janet Yellen) e della Banca centrale europea, chiamata tra due giorni a dettagliare il programma di fine degli stimoli straordinari.

In questo contesto Milano sale dello 0,4% con Snam in evidenza dopo la trimestrale. Anche Unicredit ha presentato i conti con un balzo dell’utile a fronte di ricavi in rallentamento. Piazza Affari si prepara a riaccogliere il Monte dei Paschi, che dopo una decina di mesi di sospensione tornerà agli scambi. Debole Fca in attesa del bilancio del terzo trimestre e all’indomani delle notizie rimbalzate dalla Francia su sospetti di mancata collaborazione nelle indagini transalpine sul Dieselgate. Caute le altre Borse europee: Francoforte è invariata, Parigi sale dello 0,2% e Madrid dello 0,3%. Più attardata Londra che cede lo 0,1%.

L’euro è in lieve rialzo in avvio degli scambi in Europa: la moneta unica passa di mano a 1,1763 dollari (1,1749 ieri sera dopo la chiusura di Wall street) e a 133,52 yen. Le aspettative verso la Bce sono in media per l’estensione degli acquisti di titoli di Stato e corporate per nove mesi, intorno alla metà del valore attuale di 60 miliardi al mese. Apertura stabile per lo spread tra Btp e Bund a 157 punti, con un rendimento del bond decennale al 2,014%. Il differenziale tra Bonos e Bund scende a 119 punti con un tasso dell’1,639%.

Negli Usa c’è ottimismo intorno alla stagione di trimestrali, che secondo Goldman Sachs sarà migliore delle aspettative. Non è un caso che l’indice Msci che traccia le azioni globali sia in crescita del 17% quest’anno e che abbia da poco aggiornato i record di sempre. La Borsa americana ha però chiuso in calo ieri sera: Wall Street ha pagato il -6% di Ge, bocciata dagli analisti per la paura di un taglio ai dividendi, e alla fine il Dow Jones ha perso lo 0,23% e il Nasdaq ha lasciato sul terreno lo 0,64%.

Dal fronte macroeconomico si registrano gli indici Pmi sul manifatturiero. In Giappone l’indicatore ha rallentato a settembre, ma come visto non ha inciso sui mercati: secondo i dati diffusi da Ihs Markit con Nikkei la lettura preliminare dell’indice mostra una flessione a 52,5 punti dai 52,9 precedenti.

Quotazioni del petrolio in rialzo in Asia, per la delicata situazione nel Kurdistan iracheno. Il barile di light sweet crude, con consegna a novembre, sale di 9 centesimi, a 51,99 dollari. Il barile di Brent, con consegna a dicembre, guadagna 9 centesimi e arriva a 57,46 dollari. Restano deboli le quotazioni dell’oro sui mercati asiatici a fronte di un recupero del dollaro che è vicino ai massimi da luglio. Il lingotto con consegna immediata passa così di mano a 1.282 dollari l’oncia.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close