• 12 Maggio 2021 1:27

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Terremoto, nuova scossa ad Amatrice: crolla parete della Chiesa di S. Agostino

Gen 29, 2017

Lo sciame sismico continua a non dare tregua ad Amatrice. Questa mattina, in seguito alla nuova scossa di terremoto di magnitudo 3.8, registrata alle 6,10 di stamane, ad Amatrice crollata la parete destra chiesa S. Agostino. La conferma arrivata dai Vigili del fuoco su Twitter. Fortunatamente, hanno reso noto i Vigili, nel crollo non sono rimaste coinvolte persone.

(29gen-10:00) #Terremotocentroitalia, dopo le scosse di oggi crolla ad #Amatrice parete destra chiesa S.Agostino. N… https://twitter.com/i/web/status/825657027082981376

Vigili del Fuoco(emergenzavvf)

Avviato il recupero della Torre Civica

Due giorni fa i tecnici del ministero dei Beni culturali, in stretta cooperazione con il personale della Protezione Civile e grazie agli uomini e ai mezzi dei

Vigili del Fuoco, hanno avviato le operazioni di messa in sicurezza e recupero della Torre Civica di Amatrice con il puntellamento della struttura e la rimozione della campana. Si trattato del primo passo del ripristino dei monumenti simbolo della storica citt laziale, che nei prossimi giorni vedr anche l’avvio della messa in sicurezza del campanile di Sant’Emidio, prevista per luned, e del cantiere per il recupero della chiesa di San Francesco, che prender il via mercoled.

Una famiglia in partenza per Limone Piemonte

La solidariet non abbandona Amatrice e una famiglia in partenza dalla cittadina ferita dai terremoti per Limone Piemonte per ricominciare. Una famiglia di ristoratori che abitava in frazione Torrita di Amatrice, e che nel terremoto ha perso tutto, si trasferir presto nel Cuneese. Enrico e Veronica Neroni con le figlie gemelle di 5 anni hanno risposto all’appello su Facebook di Giovanni Bottero: a inizio dicembre aveva offerto il suo locale a un collega delle zone terremotate, in comodato d’uso gratuito. Quando abbiamo letto il suo appello abbiamo pensato che Giovanni fosse pazzo – ha raccontato Enrico Neroni -. Non avevamo niente da perdere e siamo venuti a conoscerlo. La prima volta abbiamo portato il guanciale di Amatrice per fargli assaggiare la vera amatriciana. Ci siamo innamorati di questo paese che assomiglia tanto alla nostra Torrita. La famiglia Neroni si trasferir qui fra un mese e mezzo.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close