• 18 Aprile 2021 10:01

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Taranto, 35 arresti per associazione mafiosa. Il boss Di Pierro: “La città è nostra”

Giu 20, 2016

TARANTO – “La città è nostra”. Così il presunto boss di Taranto, Cosimo Di Pierro, a capo dell’omonimo clan mafioso smantellato dalla polizia commentava con alcuni presunti affiliati alla sua organizzazione il controllo indiscusso delle attività illecite nel capoluogo tarantino. La conversazione, che è stata intercettata dalla polizia, è contenuta – a quanto viene riferito dagli investigatori – negli atti dell’indagine della Dda di Lecce. I magistrati contestano ai fermati anche l’associazione mafiosa.

Con questa accusa su disposizione della Dda di Lecce, 35 persone sono state fermate dalla polizia a Taranto: ai fermati vengono contestati diversi tentativi di omicidio, estorsioni, associazione per delinquere finalizzata al traffico,

alla detenzione e allo spaccio di sostanze stupefacenti e la detenzione di armi.

I poliziotti, guidati dal questore Stanislao Schimera, durante le indagini hanno anche ripreso in diretta un rito di affiliazione al clan mafioso e hanno recuperato molte armi. Durante il blitz, nel corso dell’esecuzione del decreto di fermo, sono state sequestrate cinque pistole, 350 grammi di hascisc e reperti archeologici. All’operazione hanno partecipato circa 200 agenti.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close