• 29 Settembre 2022 20:14

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Radar rivoluzionario di Leonardo per il drone US Navy

Ott 18, 2016

Il radar Osprey di Leonardo-Finmeccanica è stato definito come rivoluzionario e in effetti considerata la recente commessa della Marina degli Stati Uniti iniziano a esservi i presupposti per crederlo.Il nuovo radar a scansione elettronica Osprey (AESA – Active Electronically Scanned Array) sarà montato sugli elicotteri a pilotaggio remoto Northrop Grumman MQ-8C Fire Scout. Si tratta di un velivolo di grandi dimensioni derivato dal Bell 407, che sarà in grado di decollare dal ponte delle navi da combattimento americane e impiegato nell’ambito di missioni di pattugliamento marittimo.

ospreyosprey
Osprey

Leonardo-Finmeccanica ha siglato un contratto che prevede una prima fornitura di cinque radar alla Naval Air Systems Command (NAVAIR) della US Navy per attività di prova e valutazione, con un’opzione di acquisto di diversi altri sistemi per impieghi operativi.

“Grazie alla tecnologia a scansione elettronica, il radar permetterà all’equipaggio a terra di avere una visuale molto più ampia di quella solitamente garantita dai radar navali e di individuare minacce nascoste oltre il limite dei radar tradizionali a bordo delle imbarcazioni”, spiega Lenonardo.

Northrop Grumman MQ-8C Fire ScoutNorthrop Grumman MQ-8C Fire Scout
Northrop Grumman MQ-8C Fire Scout

“Utilizzando le onde radio ad alta frequenza per ‘vedere’, un MQ-8C equipaggiato con il radar Osprey permette di monitorare un campo visivo maggiore e individuare obiettivi molto distanti, anche con visibilità ridotta, di notte o in condizioni metereologiche sfavorevoli”.

La novità rispetto ai prodotti concorrenti è che può essere montato direttamente all’interno della carlinga del velivolo, senza l’applicazione di parti esterne. Il segreto è nella sua tecnologia a pannelli piatti, “la prima al mondo di questo tipo”. In pratica è una configurazione leggera e compatta.

US Navy ha scelto la versione dell’Osprey a due pannelli, che fornisce una visuale di 240°, la possibilità di rilevamento delle condizioni atmosferiche, l’individuazione di obiettivi aria-aria e di bersagli mobili al suolo (Ground Moving Target Indicator – GMTI).

“L’assenza di parti esterne mobili, caratteristica della ‘scansione elettronica’, garantisce costi di manutenzione e supporto notevolmente inferiori rispetto ad altre tipologie di radar. Infine, l’Osprey presenta un’architettura aperta che consente al cliente di inserire autonomamente nuovo software”, prosegue la nota del produttore italiano.

Leonardo-Finmeccanica ha consegnato la scorsa primavera il primo radar Osprey all’Aeronautica Militare Norvegese (Kongelige Norske Luftforsvaret). Verrà montato sugli elicotteri AgustaWestland AW101 impiegati per la ricerca e il soccorso. Il programma NAWSARH (Norway All Weather Search And Rescue Helicopter) prevede una commessa di 16 elicotteri AW101 con questa configurazione.

“L’Osprey è stato progettato e costruito nel Regno Unito presso il sito Leonardo-Finmeccanica di Edimburgo. Il radar sarà proposto sul mercato insieme ai sistemi a scansione elettronica della famiglia Seaspray, attualmente in servizio con la Royal Navy e presso vari clienti export, tra cui la Guardia Costiera degli Stati Uniti”, spiegò Leonardo-Finmeccanica mesi fa.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close