• 18 Luglio 2024 9:55

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Negata revoca dei domiciliari a Toti. “Pericolo reiterazione”

Giu 14, 2024

AGI – La gip Paola Faggioni ha rigettato l’istanza di revoca degli arresti domiciliari per il governatore Giovanni Toti, arrestato il 7 maggio scorso nell’ambito dell’inchiesta per corruzione, voto di scambio e falso. Il suo legale, Stefano Savi, aveva depositato l’istanza il 10 giugno chiedendo la revoca della misura o, in subordine, una sua attenuazione. 

 

Per il gip Paola Faggioni che ha rigettato l’istanza di revoca dei domiciliari per Giovanni Toti, “non sono emersi elementi sopravvenuti idonei a modificare – anche all’esito dell’interrogatorio reso dall’indagato davanti al pm – il grave quadro indiziario a carico del predetto in relazione ai reati per cui si procede, così come valutato nell’ordinanza applicativa della misura cautelare”. La procura aveva depositato il proprio parere negativo il 12 giugno. Per il gip dunque, “permangono le esigenze cautelari così come evidenziate nell’originaria ordinanza cautelare”, in particolare, ritiene permanga “l’esigenza cautelare connessa al pericolo concreto e attuale di reiterazione di analoghe condotte criminose; Al riguardo rilevano, in primo luogo, le stesse modalità delle condotte criminose contestate così come emerse nel corso delle indagini, dalle quali traspare in modo evidente la sistematicità del meccanismo corruttivo reiterato in un notevole arco temporale”.

 

Il rifermento della gip è alle elezioni, “in occasione e in concomitanza di ciascuna delle quattro competizioni elettorali che si sono susseguite nell’arco temporale della presente indagine (circa 18 mesi) – elezioni amministrative di Savona (ottobre 2021), elezioni amministrative di Genova (giugno 2022) elezioni politiche nazionali (25 settembre 2022) ed elezioni amministrative di Ventimiglia e Sarzana (maggio 2023) – l’indagato, pressato dalla necessità di reperire fondi per affrontare la campagna elettorale, ha messo a disposizione la propria funzione, i propri poteri e il proprio ruolo, in favore di interessi privati, in cambio di finanziamenti, promessi e concretamente erogati. Tale meccanismo è stato accertato con riferimento a due diversi imprenditori, gli Spinelli e Moncada”.

 

 È “chiaramente elevato e attuale il pericolo di inquinamento probatorio, tenuto conto del fatto che sono ancora in corso approfondimenti investigativi su alcune vicende corruttive”. Lo scrive il gip Paola Faggioni, nel rigetto dell’istanza.

 

“Ritenuto che pertanto la misura in corso, tenuto conto altresì del breve tempo decorso dalla sua applicazione (poco più di un mese) appare proporzionata alla gravità dei fatti e adeguata in relazione al grado elevato di esigenze cautelari da soddisfare. Ciò, in particolare – spiega – considerando che, da un lato, l’applicazione di una misura di tipo interdittivo, quale quella della sospensione dall’esercizio di un pubblico ufficio o servizio, è preclusa dal divieto previsto dal terzo comma dell’art. 289 co. 3 cpp, che statuisce che “la misura non si applica agli uffici elettivi ricoperti per diretta investitura popolare” (quale quello ricoperto dal Presidente della Regione Liguria); dall’altro – conclude – l’applicazione di misure cautelari meno afflittive appaiono, allo stato, del tutto inadeguate rispetto alle esigenze cautelari tuttora presenti”.

 

Amministrative 2025

Giovanni Toti potrebbe “reiterare” le condotte contestategli in vista delle elezioni regionali del 2025: lo afferma il gip.

“È evidente, anche alla luce dei recenti sviluppi investigativi”, sostiene il gip, “la permanenza del pericolo che l’indagato possa reiterare analoghe condotte, peraltro ritenute pienamente legittime e corrette dal predetto, in vista delle prossime competizioni elettorali regionali del 2025 (o di ulteriori eventuali competizioni elettorali), per le quali aveva, peraltro, già iniziato la relativa raccolta di fondi”. Il gip rincara, sottolineando che “tale pericolo si configura vieppiù concreto ove si consideri che il predetto continua tuttora a rivestire le medesime funzioni e le cariche pubblicistiche, con conseguente possibilità che le stesse vengano nuovamente messe al servizio di interessi privati in cambio di finanziamento”. Il riferimento è alle mancate dimissioni di Toti, nonostante l’arresto.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close