• 16 Agosto 2022 21:06

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Morning Bell: la recessione fa paura e sui mercati si continuerà a vendere

Lug 4, 2022

AGI – I mercati aprono deboli e incerti, dopo una settimana turbolenta e negativa in cui i timori di recessione hanno avuto il sopravvento. Oggi Wall Street è chiusa per l’Indipendence Day e in Asia i listini viaggiano contrastati, mentre il biglietto verde resta al top da 20 anni, il prezzo del petrolio è in calo e i future a New York e in Europa sono negativi.

La scorsa settimana “le vendite legate ai timori recessivi, hanno prevalso sugli acquisti dei ribilanciamenti dei grandi fondi – commentano gli analisti di Mts Capitalservices – Siamo in un contesto in cui la crescita è fragile. E lo è perché le spese per consumi sono in contrazione, la fiducia dei consumatori è sottotono e, in mancanza di uno stimolo fiscale che quest’anno è assente e lo sarà verosimilmente anche il prossimo e con l’inflazione a livello record, che non accenna a diminuire, il mercato va a prezzare uno scenario recessivo. La prossima settimana a condizionarlo non ci saranno i grandi eventi che hanno caratterizzato gli scorsi sette giorni, ma ci saranno i dati macro e quello che diranno i banchieri centrali”.

Più nel dettaglio questa settimana i principali market mover saranno i dati Usa, in particolare quelli sul mercato del lavoro, in programma per venerdì prossimo, i discorsi di diversi banchieri centrali, tra cui quello della presidente della Bce, Christine Lagarde, venerdì, e quello di giovedì prossimo del ‘falco’ della Fed James Bullard e i verbali delle riunioni di giugno di Fed e della Bce, che saranno diffusi rispettivamente mercoledì e giovedì. Martedì si riunirà la banca centrale della Polonia e giovedì quella dell’Australia.

La Borsa di Tokyo guadagna circa mezzo punto percentuale e anche Shanghai avanza, mentre Hong Kong e Seul perdono più dello 0,5%. Giù di oltre mezzo punto percentuale i future a Wall Street, che comunque oggi è chiusa per festività. In calo di oltre lo 0,5% anche i future sull’EuroStoxx 50, con le Borse europee che restano caute, in attesa di sapere come sarà lo scudo anti-frammentazione e mentre escono indiscrezioni sui profitti extra che le banche potranno fare, da luglio in poi, con I prestiti ultra-light lanciati dall’inizio della pandemia.

Insomma, il trend sui mercati è ribassista e non cambierà finché le banche centrali continueranno a essere così aggressive e non si prenderanno una pausa sui rialzi dei tassi. Quando succederà? Probabilmente dopo settembre, quando la Fed avrà già effettuato diversi aumenti dei tassi e il fed fund sarà intorno al 2,5%.

Nel frattempo i mercati si dirigono verso i titoli a lunga scadenza, in particolare sui Treasury decennali, che stanno già comprando, come dimostra il rendimento del T-bond a 10 anni, che due settimane fa era al 3,5% e ora è intorno al 2,9%. Anche il rendimento del Bund tedesco è sceso, dall’1,9% di 2 settimane fa all’attuale 1,2%, mentre il Btp dal 4,19% è calato al 3,2%.

I timori di recessione rafforzano il dollaro e indeboliscono il prezzo del petrolio. L’euro scende poco sopra 1,04 dollari e lo yen rialza un po’ la testa riemergendo spra 136 dollari. In Asia I future sul Wti restano poco sopra 108 dollari e quelli sul Brent vanno sotto quota 112 dollari.   

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close