• 16 Agosto 2022 20:38

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Addio a Sonny Barger, leader e fondatore degli Hell’s Angels

Lug 4, 2022

Il 29 giugno 2022 se ne è andato a 83 anni Sonny Barger, leader e fondatore degli Hell’s Angels. Mente, cuore e corpo di quel modo di essere e di vivere lo stile di vita biker dei Club 1%er e con lui se ne va per sempre un’epoca. L’epoca d’oro delle motociclette bellissime e pericolose, di quegli stili meravigliosi nati dalla creatività dei ragazzi nelle officine improvvisate dentro le club house delle periferie americane.

L’epoca delle corse senza meta a tutta velocità lungo le highway e dei giovani motociclisti fuorilegge che si univano in nome della libertà e del rifiuto dei valori della società americana, orgogliosamente reietti. Era anche l’epoca in cui i motociclisti 1%er erano di moda in quell’ombelico del mondo chiamato California, quei motociclisti che tutte le rockstar volevano vicino a sé per godere di riflesso di quell’aura selvaggia e quel brivido che alla gente che vive una vita normale piace tanto sentire. L’epoca di San Francisco e di Haight-Ashbury Street, dove hippies e motociclisti condividevano la passione per la libertà estrema e le esperienze psichedeliche.

L’epoca della vita selvaggia tra feste e scorribande raccontata in “Hell’s Angels” da Hunter S. Thompson, che visse un anno insieme al chapter di Oakland e scrisse un libro memorabile su quell’esperienza. L’epoca degli Hell’s Angels incaricati del servizio di sicurezza ai caotici festival musicali, fino ai fatti drammatici di Altamont, che misero fine al sogno di pace e amore degli anni 60. Con Sonny Barger se ne va anche il protagonista del successivo periodo più oscuro e complicato del Club, dei guai con i federali che negli anni 80 indicarono gli Hell’s Angels come la principale organizzazione criminale d’America.

Tutto questo non è nient’altro che un pezzo della controcultura americana che Sonny Barger non solo ha vissuto e guidato in prima persona, ma ha anche saputo comprendere, incarnare e influenzare come pochi altri, fino a raccontarla nei suoi libri con una lucidità e una prospettiva unica. Senza sconti, senza revisioni o pentimenti, con l’orgoglio di chi la propria strada l’ha sempre scelta consapevolmente, conoscendo benefici e conseguenze. Sono pochi i leader paragonabili a lui per la capacità di influenzare la vita di tante persone con il proprio messaggio, esempio, con i propri valori e principi. Se ne è andato Sonny Barger, un leader riconosciuto e amato dal suo popolo in tutto il mondo. Se ne va lasciandoci alcune parole che sono il suo epitaffio: Keep your head up high, stay loyal, remain free, and always value honor. The King is gone but is not forgotten.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close