• 8 Dicembre 2021 15:53

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Milano capolista delle (poche) unioni civili

Set 26, 2016

Milano il Comune dove la nuova legge sulle unioni civili e le convivenze di fatto ha, per ora, avuto maggiore presa. In due mesi sono state gi celebrati 26 unioni tra persone dello stesso sesso e altre 102 sono in lista d’attesa. Ancora pi alto il numero delle coppie che hanno deciso di formalizzare la loro convivenza con una presa d’atto presso gli uffici comunale dello stato civile: sono 128.

Negli altri municipi capoluogo di Regione sui quali si concentrata l’indagine del Sole 24 Ore, i numeri sono pi contenuti. La stessa Roma, che pure surclassa il capoluogo lombardo in quanto ad abitanti, si ferma a 9 unioni civili gi celebrate e 74 in procinto di essere perfezionate. Una sola, invece, la domanda di convivenza di fatto finora arrivata in Campidoglio.

L’ITALIA DELLE NOZZE GAY

Le richieste di unione civile e di convivenza di fatto arrivate ai Comuni capoluogo di Regione dopo l’entrata in vigore della legge Cirinn (Fonte: elaborazione Il Sole 24 Ore su dati dei Comuni)

Dunque, numeri, tutto sommato, piccoli, soprattutto se si pensa al grande clamore e al serrato dibattito che ha accompagnato il varo della legge n. 76 di maggio scorso, ribattezzata legge Cirinn dalla senatrice del Pd prima firmataria del testo. Va, per, anche considerato che seppure le nuove regole sono entrate in vigore a inizio giugno – per l’esattezza il 5 – di fatto non si potuto iniziare ad applicarle se non dal 29 luglio, quando arrivato il decreto che ha spiegato agli uffici di stato civile dei Comuni come comportarsi con la novit.

Ed proprio al fattore tempo che si appella Monica Cirinn nel valutare la prima applicazione della “sua” legge. Si tratta di numeri straordinari. Chi che si sposa – commenta la senatrice del Partito democratico – in agosto? Chi lo fa, rischiando di rovinare le vacanze alla famiglia e agli invitati? Cos come i matrimoni civili subiscono in piena estate una flessione – e altrettanto accade durante nei mesi invernali – lo stesso ci si deve aspettare per le unioni civili. Con la primavera o anche in questo scorcio di stagione dove ancora c’ bel tempo, presumibile, invece, una ripresa delle celebrazioni. Io, per esempio, sono invitata a due unioni civili per giugno prossimo. chiaro che chi si sposa preferisce, se pu, aspettare la bella stagione.

I nuovi diritti

Sempre secondo Cirinn , poi, fuorviante rapportare i primi numeri della nuova legge all’attenzione e alle polemiche che ne hanno accompagnato il varo. In piazza – sottolinea l’esponente Pd – sono andate tutte le persone che volevano vedere riconosciuti questi diritti. Anche gli eterosessuali. Chiedevano le nuove regole non necessariamente dietro un’urgenza personale, ma perch pi semplicemente il Paese se ne dotasse. Poi uno le usa quando pi ritiene opportuno.

Di certo c’ che la maggior parte degli uffici comunali, almeno nelle citt pi grandi, si subito attrezzata per ricevere le nuove domande di matrimoni omosessuali e quelle dei conviventi di fatto. E questo nonostante i criteri di adeguamento – stabiliti in via transitoria dal decreto 144 del 23 luglio scorso, entrato in vigore il 29 – siano arrivati in piena estate. Nei siti istituzionali dei principali municipi, tuttavia, compaiono le istruzioni per chi vuole unirsi civilmente o intende registrarsi come convivente di fatto. Ora si attende che il Governo – in forza della delega assegnatagli dalla legge 76, delega che scade agli inizi di dicembre – vari i decreti legislativi per mandare a regime le nuove disposizioni. Il ministero della Giustizia, a cui tocca il compito di mettere a punto i testi, di concerto con altri dicasteri, ha gi pronti i primi due provvedimenti.

I numeri dell’esordio

C’ un dato che lascia intendere – al di l del peso piuttosto contenuto dei numeri complessivi – come le unioni civili siano comunque destinate a crescere. Se, infatti, si guarda alle richieste di matrimoni omosessuali in lista d’attesa, perch ancora da perfezionare, ci si rende conto che sono molto superiori rispetto ai riti gi celebrati. Il rapporto quasi di uno a cinque: 100 unioni gi in porto e 463 in itinere. Segno di una sensibile crescita che coinvolge un po’ tutti i Comuni capoluogo di regione. Solo a Campobasso e L’Aquila la legge Cirinn non ha fatto, per il momento, “proseliti”.

Diverso il discorso per le convivenze di fatto, dove le citt ancora a zero richieste sono diverse, mentre solo poche (Milano, Trento, Napoli, Firenze e Torino) hanno numeri a doppia cifra. In totale si arrivati a 228 registrazioni e anche in questo caso valgono le ragioni utili per spiegare il debutto al rallentatore delle unioni civili, ma con in pi il fatto che le convivenze di fatto gi esistevano. Infatti, secondo l’articolo 4 del Dpr 223 del 1989 (nuovo regolamento anagrafico) per famiglia anagrafica si intende un insieme di persone legate anche da vincoli affettivi, coabitanti ed aventi dimora abituale nello stesso comune. Per le coppie di fatto, la legge 76 ha in pi previsto una serie di diritti, come la possibilit di intervenire in caso di malattia del partner (per esempio, avere accesso ai dati sanitari) o di morte (per esempio, subentrare a un contratto di locazione). Altra novit la possibilit di regolare i rapporti patrimoniali attraverso un contratto di convivenza. L’opportunit di registrarsi in Comune come coppia di fatto riguarda, dunque, soprattutto le nuove coppie, perch per chi gi conviveva fa fede lo stato di famiglia.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close