• 15 Aprile 2021 7:46

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

L’ultima frontiera dei troll? Cucine smart e blog di cucina. Ecco come difendersi

Set 5, 2016
troll-web

Le casalinghe online, le app della cucina smart, insomma il mondo che ruota intorno al social food con foto e messaggi scambiati su Facebook e Youtube, è bersagliato da trolls, virus, ransomwares (i malwares del web) che a volte possono davvero procurare guai. Tanto che ben due importanti eventi dedicati alle tecnologie della casa (Def-Con di Las Vegas e Cedia di Dallas) prevedono due giornate di incontri e consigli per prevenire i rischi legati agli attacchi degli hacker. Il motivo di questi attacchi alla casa e agli elettrodomestici IoT, collegati a smartphone e tablet via Internet, è legato al fatto che i privati, al contrario delle aziende e dei professionisti, non proteggono le app e l’accesso ai dati con password sicure.

A caccia di ricette

“A chi vuoi che interessi vedere le mie foto o leggere le mie ricette? O manovrare il freezer?” Si sente spesso commentare. Sbagliato, gli hacker non sono sempre spie a caccia di segreti industriali ma spesso sono “smanettoni” appassionati di scherzi online… E gli ultimi nemici, i ronsomwares, sono diabolici nella ricerca dei bug, i buchi di software molto semplici (la app per comandare il frigo o il forno a distanza, per esempio, per regolare la temperatura della casa) o la password dello smartphone. Lo scopo? Divertirsi, vantarsi anche su Facebook, o chiedere addirittura un riscatto. Che fare?

Come proteggersi, anche dai trolls vegani

Innanzitutto è bene usare passoword di accesso allo smartphone, al tablet e al pc non banali, cambiandole abbastanza di frequente. Crittografare, codificare il più possibile per rendere difficile l’accesso a file, programmi, foto a tutto ciò che vi interessa conservare. E come ci ha raccomandato un hacker pentito in occasione di Def-Con, “patcher, patcher, patcher” cioè aggiornare di continuo software e antivirus. Non aprite mai i link di siti esteri inviati con mail non sicure, non conosciute. E anche se conoscete bene chi vi ha inviato la mail, non “linkate” il sito estero; i ronsomwares più recenti sono arrivati proprio tramite questi siti-trappole. E non aprite blog con foto e ricette di origini asiatiche, o dell’Est Europa, autentici vivai di hacker. Attenzione a usare la piattaforma della smart kitchen più diffusa, Smart Things; con le sue oltre 500 app per gestire a distanza tutti gli elettrodomestici, è un serbatoio di caccia per gli smanettoni della rete. Che, facendosi passare per il proprietario della casa connessa, possono sconvolgere i programmi di funzionamento della cucina e della casa. Infine lasciamo perdere i blog con le accesissime discussioni tra vegetariani, vegani, carnivori e così via, dove, fra trolls e ronsomwares, i rischi di essere perseguitati è molto alto. Cattivissimi integralisti del pallore vegano interrompono molto spesso amabili scambi di ricette, foto e consigli, con offese e interventi dilaganti. E spesso si rivelano veri e propri hacker.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close