• 22 Luglio 2024 23:11

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

La Fed rialza i tassi dello 0,25%, Wall Street festeggia

Mar 22, 2023

AGI – La Federal Reserve ha approvato un altro aumento dei tassi di interesse di un quarto di punto percentuale, ma ha segnalato che le turbolenze del sistema bancario potrebbero porre fine alla sua campagna di rialzo del costo del denaro prima di quanto sembrasse probabile due settimane fa. La decisione annunciata stasera ha segnato il nono aumento consecutivo dei tassi da parte della Fed e porta il tasso di riferimento sui Fed Funds all’interno di un intervallo compreso tra il 4,75% e il 5%, il livello più alto da settembre 2007.

La Fed lascia comunque intendere che potrebbe aver finito di aumentare i tassi di interesse nel breve termine. Nel comunicato diffuso al termine della due giorni di riunione, il Fomc dichiara che la banca centrale “prevede che potrebbe essere opportuno un ulteriore irrigidimento delle politiche” monetarie. Una formula diversa rispetto a quella utilizzata nelle otto occasioni precedenti, quando era stato invece definito adeguato “il proseguimento dell’aumento” dei tassi.

La Fed sottolinea che è troppo presto per dire quanto le recenti tensioni bancarie rallenteranno l’economia. Ma “il sistema bancario statunitense”, assicura “è solido e resistente”. Secondo il Fomc, “è probabile che i recenti sviluppi provochino un inasprimento delle condizioni di credito per le famiglie e le imprese e che pesino sull’attività economica, sulle assunzioni e sull’inflazione”. Ma “l’entità’ di questi effetti è incerta”. Tutti gli 11 membri del Comitato federale per il mercato aperto hanno approvato la decisione. Secondo le nuove proiezioni, 17 dei 18 membri che hanno partecipato alla riunione si aspettano che il tasso sui Fed Funds salga almeno al 5,1% entro la fine dell’anno, il che implica un ulteriore aumento di un quarto di punto.

Il dollaro perde terreno nei confronti delle principali valute dopo la decisione della Federal Reserve di alzare i tassi dello 0,25% e la diffusione del comunicato del Fomc. L’euro/dollaro, che alla chiusura dei mercati europei era sotto quota 1,08, ora vale 1,0841. Il dollaro/yen scende a 132,05. Si rafforzano anche sterlina e dollaro canadese.  

Federal Reserve Board and Federal Open Market Committee release economic projections from the March 21-22 FOMC meeting: https://t.co/AvEnB8ikeV

— Federal Reserve (@federalreserve)
March 22, 2023

La crisi di PacWest

Il titolo della banca regionale californiana PacWest crolla a Wall Street, nella giornata di mercoledì 22 marzo, dopo che l’istituto ha annunciato che ha perso il 20% dei suoi depositi quest’anno e ha escluso la possibilità di un aumento di capitale a breve termine. Il titolo cede oltre il 10%. La holding, che controlla la Pacific Western Bank, ha dichiarato in un comunicato che la banca ha visto la sua base di depositi ridursi del 20% dalla fine dell’anno scorso. La contrazione è dovuta in gran parte ai ritiri delle società di private equity, i cui depositi sono diminuiti del 43%. 

PacWest ha anche rivelato di aver ottenuto un’iniezione di liquidità di 1,4 miliardi di dollari da Atlas sp Partners. Quest’ultima è stata lanciata a febbraio dal gigante del private equity Apollo Global Management, con una parte dell’attività’ di cartolarizzazione (originazione del debito) del Credit Suisse come spina dorsale, che la banca ha scorporato a novembre. 

PacWest ha anche rivelato di aver preso in considerazione un aumento di capitale, ma di aver deciso di non procedere per il momento a causa della “volatilità del mercato e del deprezzamento delle azioni delle banche regionali”. Nonostante la riduzione dei depositi della banca dalla fine del 2022, l’amministratore delegato Paul Taylor si e’ detto “fiducioso nella solidità di PacWest”, affermando di aver riscontrato “stabilita'” nei depositi e nella liquidità “nell’ultima settimana”.

Alla fine del 2022, PacWest era la 53esima banca degli Stati Uniti per dimensione degli attivi, con un valore di 41 miliardi di dollari. Con sede a Los Angeles, la banca opera principalmente in California, ma anche in North Carolina e Colorado.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close