• 13 Maggio 2021 8:02

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

I gemelli spaziali Scott e Mark Kelly non sono più identici. Un anno in orbita ha cambiato il DNA – Rai News

Gen 31, 2017

Dopo un anno in orbita il Dna di Scott Kelly si è modificato. #yearinspace

Condividi

31 gennaio 2017I gemelli spaziali non sono più identici: un anno trascorso sulla Stazione Spaziale ha modificato il Dna di Scott Kelly. È quanto risulta dai primi studi preliminari della Nasa che per 340 giorni, fra il 2015 e il 2016, ha monitorato tutti i parametri vitali e il patrimonio genetico di Scott, inviato nello Spazio, e li ha confrontati con quelli del suo gemello Mark, rimasto a Terra. I primi risultati delle analisi, condotte sotto la guida del genetista Christopher Mason, della Cornell University di New York, sono stati presentati nel convegno sul Programma di Ricerca Umano della Nasa organizzato in Texas, a Galveston, e riportate sul sito della rivista Nature.

I ricercatori hanno diffuso infatti i primi dati ”appena usciti dalle macchine per il sequenziamento”, ha detto Mason, ma per la pubblicazione ci vorrà un po’ di tempo perché la mole di informazioni è enorme.

Il programma Twin Study è una ricerca senza precedenti e fornirà elementi preziosi per organizzare i futuri lunghi viaggi per Marte senza rischi per gli astronauti. I primi dati indicano che i cambiamenti osservati nell’attività dei geni di Scott sono simili a quelli che sulla Terra sono dovuti a condizioni di stress, come modifiche nella dieta e nel sonno. Ma le varianti osservate nel Dna di Scott sono più amplificate e potrebbero essere dovute allo stress causato dal mangiare cibo liofilizzato e dal dormire in assenza di gravità. Altri cambiamenti riguardano le strutture che si trovano alle estremità dei cromosomi, chiamate telomeri, note per essere associate alla longevità. Contro ogni aspettativa, in Scott queste strutture si sono allungate rispetto a quelle del gemello. ”È il contrario di quello che pensavamo”, ha rilevato la biologa Susan Bailey, della Colorado State University. Una volta che Scott è tornato a Terra, la lunghezza dei suoi cromosomi è tornata ai livelli precedenti al lancio e i ricercatori sono al lavoro per capire che cosa significhi. Tra le ipotesi prese in considerazione c’è quella secondo cui l’allungamento dei telomeri potrebbe essere stato un meccanismo di difesa delle cellule, attivato in risposta allo stress acuto’. L’esperimento ha inoltre mostrato cambiamenti nella “metilazione” (un meccanismo biochimico che aiuta l’organismo a rispondere a stress ambientali, per adattarsi e ricostruire le cellule): in Scott è diminuita durante il volo, mentre è aumentata in Mark nello stesso periodo. In entrambi, poi, è tornata ai livelli precedenti al lancio.

Il paradosso dei gemelli

Scott e Mark Kelly sono gemelli identici, sono nati 52 anni fa in New Jersey e sono entrambi astronauti. L’idea della missione è loro. Paragonando lo stato di salute fisica e mentale di due individui con lo stesso passato, simile stato di salute e identico genoma nella missione più lunga in assoluto per un astronauta americano, la Nasa ha la possibilità di studiare che cosa succede all’organismo umano durante una prolungata presenza nello spazio. I dati dell’esperimento sui Kelly serviranno a valutare la fattibilità di un viaggio sul pianeta rosso che prenderebbe come minimo 18 mesi tra andata e ritorno in assenza di gravità: una condizione che ha effetti sul cuore, le ossa, la pressione, i muscoli, la vista. Il gemello nello spazio e l’altro che resta a Terra suggeriscono immediatamente il paradosso dei gemelli ideato da Albert Einstein per spiegare la teoria della relatività. Sotto questo punto di vista, però, gli effetti non saranno affatto evidenti poichè Scott, nella sua permanenza in orbita, sarà “più giovane di Mark” soltanto di tre millisecondi. –

Scott all’inizio della missione era già stato per 180 giorni nello spazio. Mark aveva partecipato a 4 voli spaziali, per un totale di 54 giorni lontano dalla terra, prima di ritirarsi nel 2011. Nella sua ultima missione era alla guida dello shuttle Endeavour insieme all’italiano Roberto Vittori.

L’anno nello spazio di Scott Kelly è iniziato il 28 marzo 2015 a bordo dell’Expedition 43. Con lui c’erano i russi Michail Kornienko e Gennady Padalka, rimasto 6 mesi, che detiene il record di 878 giorni in tutto lontano dalla Terra.

Vedi anche: L’anno nello spazio di Scott KellyRitorno sul pianeta Terra

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close