• 28 Settembre 2021 21:06

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Un ragazzo è stato accoltellato nel quartiere della movida di Roma

Lug 23, 2021

AGI – Un giovane albanese è stato accoltellato alla schiena durante una lite con due persone, con ogni probabilità suoi connazionali, venerdì mattina in una strada del quartiere Ostiense, una delle piazze della movida a Roma. In un primo tempo era stato dato per morto, ma dopo essere stato stabilizzato e rianimato a bordo di un’autoambulanza, è era stato portato al San Camillo e sottoposto a un lungo e delicato intervento chirurgico per arrestare l’emorragia. Ora è in rianimazione e le sue condizioni restano gravissime

Tutto è cominciato poco dopo le 13, quando in via del Gazometro angolo via dei Magazzini Generali cè’ stata la lite. Da una parte il 26enne con un suo amico, dall’altra altre due persone, entrambe in maglietta e bermuda. Inizialmente – ha riferito un testimone all’AGI – quello che poi sarebbe stato ferito e gli altri due sono venuti alle mani, poi all’improvviso uno dei due ha estratto un coltello a serramanico e ha colpito il giovane. Quindi il gruppetto si è spostato in direzione di uno stabile di via dei Magazzini Generali.

Mentre gli aggressori si davano alla fuga, il ferito, sorretto dall’amico, ha proseguito verso via Ostiense, lasciandosi dietro una scia di sangue. Pochi metri dopo ha perso le forze e l’amico lo ha messo a sedere sul gradino d’ingresso di un ristorante, la testa poggiata contro lo stipite, “Stai qui, aspetta”, gli ha detto, secondo un’altra testimonianza, ed è andato via.

A soccorrere il ferito sono stati gli agenti di due pattuglie della Polizia e poi il personale del 118. Sono quindi scattate le indagini, condotte da Polizia e Carabinieri, numerose le pattuglie arrivate, setacciato il quadrilatero di vie intorno a piazza del Gazometro alla ricerca di testimoni e tracce utili alle indagini. E ben presto si è arrivati ain uno stabile di via dei Magazzini Generali dove diversi testimoni hanno confermato di aver visto entrare gli aggressori, di cui però si sono perse le tracce. 

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close