• 2 Ottobre 2022 18:37

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Trussardi, lunch a tre “taglie” all’ombra della Scala

Ott 23, 2016
3_Risotto all’aglio nero, olio e peperoncino

Non si può certo dire che il concept Trussardi, in piazza della Scala, viva sugli allori e sulla forza del brand, anzi. Poche realtà sotto la Madonnina sono così attive a 360°, potendo usufruire di un triplice spazio: il Café a piano terra; il ristorante-gourmet al primo piano separato dalla lounge che è stata un’ottima intuizione. C’è passione e competenza, in ogni elemento, coordinata da Luca Cinacchi che anche prima della notorietà televisiva – è il maitre di Hell’s Kitchen – era uno dei migliori ‘direttori’ italiani.

A pranzo piatti in versione Small, Regular e Large

La cucina, guidata da Roberto Conti (non più una promessa, ma realtà), ha preparato un menu d’autunno ricco di suggestioni gustose e ben eseguite. Citiamo dalla carta: Cocktail di gamberi rossi di Mazara con cuore di lattuga caramellato; Millefoglie di foie gras, riduzione di uva fragola e Castelmagno; Risotto all’aglio nero, olio e peperoncino; Gnocchi arrosto alla carbonara; Nocetta di capriolo con terra di autunno e cioccolato; Rombo arrosto, polenta affumicata, olive, capperi e pinoli; Castagnaccio al rosmarino e zucca. Interessante la possibilità di creare due menu degustazione (quattro e cinque portate) scegliendo dalla ricca carta, spendendo 110 e 140 euro mentre il dieci portate ‘a mano libera’ costa 180 euro. Come ci piace molto l’idea che ogni piatto della carta per il lunch – ovviamente ristretta e più semplice nella preparazione – sia disponibile nelle versioni Small, Regular e Large.

Incontro virtuoso con la Russia

Il concept si presta benissimo agli eventi: l’ultimo è stato Truit, Italian Taste Ambassador, con la Russia protagonista. Sul ‘palcoscenico’ sono saliti Pietro Rongoni – titolare, a Rostov, di Baraonda Cantina e rappresentante degli chef italiani nel mondo per la Russia – e Katerina Logvinova che ha preferito Milano a Samara per coltivare la passione per il Gimlet. Rongoni ha firmato un raffinato ‘quattro mani’ con Conti e si è prodotto – sempre con lo chef pavese – in una cooking lesson, basata su identici ingredienti interpretati all’italiana e alla russa. La bella bartender invece ha avuto come compagno Tommaso Cecca – uno dei più bravi in Italia dietro il bancone – per guidare un inedita mixology challenge a squadre e creare una selezione di dieci special drink, sempre a ‘quattro mani’, con la vodka protagonista.

Trussardi_Rum_70cl_Fotor

Un rum firmato

Il Café Trussardi Lounge è stata animato da altri due lanci, quello di Rouge Bois à porter, cocktail frutto della creatività e del gusto per la sperimentazione di Cecca (sostituisce il vetro del bicchiere con una clutch…) e quello di 2006 Caribbean Rum Unique Release for Trussardi. E’ il primo rum a marchio Levriero che entra a far parte della carta: solo 381 bottiglie – tutte numerate – di cui la prima è stata battuta all’asta per devolvere il ricavato al Centro Dino Ferrari. Imbottigliato nel settembre 2016, è un distillato nato dalla collaborazione tra Trussardi e Samaroli, l’azienda che lega nome e origini al mitico Silvano Samaroli, il primo in Italia a selezionare e imbottigliare i più grandi whisky. In purezza o miscelato il distillato del Levriero si distingue anche per la singolarità della sua etichetta: un’opera d’arte di ispirazione Art déco, secondo la migliore tradizione Samaroli. Una piacevole arma in più per il concept Trussardi

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close