• 5 Ottobre 2022 23:51

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Serie A Napoli, i jolly di Sarri: una panchina che vale oro

Ott 22, 2016

di Antonio Giordano

sabato 22 ottobre 2016 09:41

NAPOLI – L’oro di Napoli è su quella panca-esposizione che sa di gioielleria: e uno al fianco all’altro, tutti insieme ma chissà quanto appassionatamente, fanno una cinquantina di milioni di euro. Il jackpot da lanciare (prima o poi) nel mischione è nascosto in un caveau nel quale si mischiano il talento e la giovinezza, la personalità più sfacciata e l’esuberanza indomabile: è una miscela scovata nel mercato di giugno, inseguita a fari spenti, nelle notti, con il portafoglio in mano, ed in attesa che spunti un giorno, il loro, per mostrarsi a chiunque li aspetti.

TUTTO SUL NAPOLI

IL NAZIONALE – Mark Rog non s’è ancora fatto vedere, non ha potuto, però resta di sé ciò ch’emerso con la Nazionale e con la Dinamo Zagabria, certe sterzate che bruciavano l’erba e quella capacità di passeggiare, palla al piede, con la testa alta, in cerca d’un passaggio, magari del proprio orizzonte. Diciotto milioni, prenderlo o lasciarlo: alla fine, e dopo un braccio di ferro amicale, De Laurentiis è crollato, ha seguito le indicazioni di Giuntoli, e s’è lanciato in un affare assai costoso e però con prospettive. Minuti giocati zero: perché viene da un altro calcio, perché ha avuto poche sedute a disposizione, perché deve integrarsi, perché la stagione è lunga e il turnover avrà bisogno di lui.

IL BIMBO PRODIGIO – Amadou Diawara, vent’anni tra nove mesi, s’è appena presentato: «Felice di essere qui». E pure il San Paolo s’è mostrato fiero di conoscerlo, di capire quali siano le sue attitudini, di scoprire che quel bimbetto da quindici milioni di euro – e trentacinque presenze con il Bologna di Donadoni – ha una spiccata personalità, s’è trovato nella «bufera» con il Besiktas e se l’è sbrigata discretamente.

UNO, TRINO – Emanuele Giaccherini nella sua vita ha fatto varie cose, pure l’esterno di sinistra offensivo, ma soprattutto la mezzala, il centrocampista nella linea a tre (o a cinque). E’ arrivato e si è fermato, per un bel po’; ma quando ha ricominciato a correre, s’è goduto poco il Napoli: minutaggio limitatissimo, ma si sta scaldando ancora e la strada verso Crotone sembra appartenergli. Porta con sé l’esperienza di un certo livello – in Italia, in Inghilterra – ed il background acquisito con la Nazionale: è un valore aggiunto, costato poco più di un milione di euro. Il low cost che conviene.

Leggi l’articolo completo sul CorrieredelloSport-Stadio in edicola

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close