• 22 Luglio 2024 22:30

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Terremoto in Molise, magnitudo 4.6. Nessun ferito 

Mar 29, 2023

AGI –  Un terremoto di magnitudo 4.6 è stato registrato dalle stazioni della Rete Sismica Nazionale alle 23,52 con epicentro a 2 chilometri da Montagano, a circa 10 chilometri a sud di Campobasso, a una profondità di circa 23 chilometri. Dalle verifiche effettuate dalla Protezione civile e dai Vigili del Fuoco, non si registrano feriti o danni gravi agli edifici. Le scuole di Campobasso e di molti comuni limitrofi rimarranno chiuse oggi per ulteriori analisi, ha annunciato il sindaco di Campobasso, Roberto Gravina.

L’evento, si legge sul sito dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, “è avvenuto in un’area caratterizzata da una sismicità frequente con diverse sequenze sismiche avvenute nel 2002, 2013, 2016 e nel 2018” e negli ultimi 7 giorni si sono registrate altre 16 scosse di magnitudo inferiore a 3.0. “La pericolosità sismica di questa area è considerata alta.

Terremoti anche più forti di quello avvenuto oggi sono possibili per quanto la probabilità che si verifichino non è particolarmente alta”, si spiega ancora sul sito dell’Ingv.

Il terremoto di questa notte è stato ampiamente avvertito anche in una vasta area dell’Italia centro meridionale, in particolare in Campania, Puglia, Lazio e Abruzzo. “Al momento non abbiamo registrato danni alle persone o alle cose. Siamo in costante monitoraggio sull’evolvere della situazione e in contatto con i sindaci dei comuni interessati” conferma a Rainews24 il direttore della Protezione civile del Molise, Manuel Brasiello.

“La nostra è una zona sismica – sottolinea – e spesso si verificano condizioni di questo tipo. Nella giornata di ieri sono state registrate scosse un po’ più forti del normale. È una situazione che dobbiamo tenere sotto controllo e la stiamo monitorando”.

 “Per fortuna la profondità della scossa di ieri sera è stata importante (23 chilometri, ndr) e questo ha determinato in superficie una condizione più favorevole”, ha aggiunto. Un piano di emergenza non è stato ancora attivato, ha concluso, “vedremo nelle prossime ore cosa succederà”. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close