• 14 Aprile 2021 13:15

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Seicento volantini sugli autobus, per fermare i borseggiatori a Napoli

Ago 26, 2016

Borseggiatori, dopo l’allarme e la protesta degli autisti, scende in campo l’azienda. L’Anm ha stampato 600 volantini che da stamattina saranno applicati su tutti gli autobus. “Attenzione-Beware” recita la scritta sotto l’immagine di due passeggeri vicini in un autobus, mentre uno mette le mani nella tasca dell’altro. “Ci siamo subito attivati dopo l’allarme lanciato da “Repubblica” – dice Alberto Ramaglia, amministratore unico Anm – e abbiamo contestualmente allertato le forze dell’ordine. Della sicurezza non possiamo farcene carico noi, non abbiamo gli strumenti. Ringrazio gli autisti che ogni giorno si prodigano per difendere passeggeri e turisti. Ma non possono certo provvedere loro. Abbiamo bisogno di aiuto, la nostra collaborazione con le forze dell’ordine è totale, resto fiducioso in una proficua attività”.

Oggi partirà anche la protesta del sindacato Usb: gli autisti viaggeranno con il cartello “Danger pickpockets at work. Pericolo borseggiatori al lavoro. Fate attenzione, i conducenti vi augurano una buona permanenza nella città della cultura, della musica e della solidarietà”. Tornano sui bus gli avvisi che invitavano i passeggeri a proteggersi dai ladri, strappati e scomparsi nei mesi scorsi.

La protesta è scattata dopo un agosto di fuoco: tre i raid denunciati ogni settimana, continui assalti ai turisti su 3 linee R2, 151, 140. Sono decine i borseggiatori che ogni giorno individuano le prede e le seguono fino a sfilare i portafogli da tasche e borse. Si tratta di furti fatti con destrezza, raramente la vittima coglie in flagrante il borseggiatore. Il malcapitato si accorge del furto solo dopo, quando il malvivente è già sceso dal bus.

Sono 250 i borseggi tentati o riusciti a settimana nel solo mese di agosto. Un vero e proprio assalto, al quale assistono ogni giorno impotenti gli autisti. Uno scempio, al quale hanno deciso di ribellarsi. Unitariamente, con l’iniziativa programmata per oggi. Ma anche singolarmente. Sin da ieri, a bordo di un mezzo, è comparso un cartello scritto a penna da una giovane autista: “Gentili signori e non, vi avviso che su quest’autobus c’è un borseggiatore. Inoltre vi consiglio di fare il biglietto altrimenti non sarete considerati da meno”. Insomma, è guerra dichiarata.

Non è facile arginare un fenomeno in

crescita, le squadre di ladri crescono ogni giorno di più, spesso i napoletani “istruiscono” gli stranieri nell’arte del borseggio. E lo fanno a bordo dei bus, in mezzo alla folla. “Chiediamo una maggiore attenzione all’azienda – dice Marco Sansone dell’Usb – vogliamo sensibilizzare i passeggeri e i turisti perché non vadano via da Napoli con un cattivo ricordo della città. Ma speriamo che anche l’azienda pensi ad un piano d’attacco”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close