• 20 Ottobre 2021 15:35

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Arrivano gli “asinelli socialmente utili”

Ago 26, 2016

ROMA – Ci sono dei nuovi candidati al servizio della comunità. Economici e di buon carattere. Sono gli asinelli. L’idea di “assumerli” per la pulizia del paese è venuta alla giunta guidata dal sindaco del comune di Chiaverano Maurizio Fiorentini. «L’idea è di usare un paio di asinelli per tenere pulite le aree verdi del paese – ha spiegato Fiorentini alla Sentinella del Canavese – condiderando che, lasciato a pascolare placidamente, l’asino bruca l’erba e le fronde degli alberi”. Diventa insomma un tosaerba naturale. I costi? Un asino ha bisogno di spazi adeguati, di assistenza veterinaria e del maniscalco. Una spesa di circa mille euro l’anno: “Molto di meno – aggiunge il sindaco – di quanto ci costerebbe un appalto per il taglio dell’erba”.

Per la loro taglia ridotta, il carattere paziente, la morbidezza al tatto e la lentezza nel movimento, gli asini già da tempo sono usati nell’onoterapia per aiutare chi soffre di disturbi della personalità, diversamente abili, bambini ed anziani, malati psichiatrici e in genere persone con problemi di ansia e solitudine. Si tratta di un tipo di pet teraphy molto diffusa in Francia, Svizzera e Stati Uniti e che si sta diffondendo nei centri di riabilitazione italiani. L’asino è un ottimo mediatore tra il paziente e il medico o l’operatore, creando un ambiente sia fisico che mentale rassicurante, che rende il malato più recettivo alle cure.

E adesso tocca a Chiaverano. “Ovviamente alla base ci deve essere un progetto ben strutturato che ne preveda la cura e l’assistenza – ha aggiunto il sindaco – si potrebbe pensare a un progetto con valenza didattica in sinergia con le scuole”. Anche la ripresa dell’anno scolastico sarà all’insegna del progetto “Adotta un asinello”. “I bambini del paese potranno adottare gli asinelli, imparando a prendersi cura di un animale che ha una natura gioiosa e affettuosa – spirga il sindaco – insieme agli insegnanti si potrà pensare alla forma migliore per dare concretezza al progetto”. Trovare i docili quadrupedi in zona è facile: a pochi chilometri di distanza da Chiaverano, a Sala Biellese, si trova un rifugio degli asinelli. Una onlus che da sette anni accoglie e si prende cura di asini, muli e bardotti, maltrattati, abbandonati , oppure destinati al macello. Il rifugio ha già programmi per l’adozione a distanza degli asini e per il loro affidamento.

Per domenica 28 agosto è prevista una prova generale. Il rifugio di Sala Biellese per tutta la giornata festeggia i 7 anni dall’apertura con visite guidate, la possibilità di spazzolare gli asinelli, lettura di fiabe animate, bancarelle di associazioni, ed attività per grandi e piccoli.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close