• 6 Dicembre 2021 15:01

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Scambiarsi password senza essere spiati tramite il corpo

Ott 4, 2016

Gli hacker hanno dimostrato più volte di poter intercettare informazioni, di ogni tipo, inviate nell’etere tramite tecnologie Wi-Fi o Bluetooth. Questo permette a chiunque trovi una falla nei sistemi di comunicazione di mettersi in ascolto, carpendo segreti importanti, come una password o un codice segreto.

All’Università di Washington un gruppo di ricercatori ha trovato un modo perinviare password in modo sicuro tramite il corpo umano. Il sistema sfrutta trasmissioni a bassa frequenza “benigne” generate dai sensori d’impronte digitali e dai touchpad dei dispositivi mobile.

password body 01password body 01
Usando i segnali a bassa frequenza emessi dai sensori d’impronte è possibile far passare password e chiavi di autenticazione nel nostro corpo

“Finora i sensori d’impronte digitali sono stati usati come dispositivo di input. La cosa bella è che abbiamo dimostrato per la prima volta che possono essere usati per inviare informazioni confinate nel corpo“, ha affermato Shyam Gollakota, assistente professore di informatica e ingegneria.

“Diciamo che voglio aprire una porta con serratura elettronica intelligente”, ha spiegato il coautore dello studio Mehrdad Hessar. “Posso toccare la maniglia della porta e allo stesso tempo il sensore di impronte digitali sul mio telefono e trasmettere le credenziali segrete per aprire la porta tramite il mio corpo, senza che le informazioni personali si disperdano nell’etere“.

Il team ha testato questa tecnica su un iPhone e altri sensori d’impronte, oltre che sui trackpad dei portatili Lenovo e il touchpad capacitivo Adafruit. I test con 10 soggetti differenti hanno dimostrato che il sistema funziona con persone di altezza, peso e forma del corpo differenti, rivelandosi affidabile anche con soggetti in movimento.

password body 02password body 02
Potenziali applicazioni della tecnologia ideata dai ricercatori dell’Università di Washington

“Abbiamo dimostrato che funziona con posture diverse – in piedi, seduti e mentre si dorme”, ha spiegato Vikram Iyer, altro coautore dello studio. “Possiamo quindi ottenere un forte segnale in tutto il corpo. I ricevitori possono essere messi ovunque – sulla gamba, sul petto, le mani. La tecnologia funziona sempre”.

Prima di arrivare a testare la tecnologia i ricercatori hanno studiato i sensori d’impronte digitali e i touchpad scoprendo che generano segnali in un intervallo da 2 a 10 megahertz che viaggiano nel corpo umano ma non si propagano nell’aria. Questi usano poi l’accoppiamento capacitivo per percepire dov’è il vostro dito nello spazio e identificare picchi e avvallamenti che formano il disegno unico delle impronte digitali.

password body 03password body 03
Vikram Iyer (a sinistra) e Mehrdad Hessar (a destra)

La tecnologia può essere usata anche per trasmettere chiavi sicure a dispositivi medici, come i sistemi di monitoraggio del glucosio o i microinfusori, che devono confermare l’identità di una persona prima di inviare o condividere i dati.

Il team ha raggiunto un bit rate di 50 bit al secondo sui touchpad dei portatili e 25 bit al secondo con i sensori d’impronte – abbastanza per inviare una semplice password o un codice numerico tramite il corpo e a un ricevitore in pochi secondi. Tali velocità potrebbero però essere superate se i produttori dei sensori d’impronte condividessero maggiori informazioni sul loro software.

IPHONE 7 32GBIPHONE 7 32GB IPHONE 7 32GB
IPHONE 7 32GB SILVERIPHONE 7 32GB SILVER IPHONE 7 32GB SILVER
iPhone 6s Plus 64GBiPhone 6s Plus 64GB iPhone 6s Plus 64GB

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close