• 23 Giugno 2021 20:57

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Papa Francesco a Nespoli: «Stazione spaziale piccolo palazzo di vetro dell’Onu»

Ott 27, 2017

Un dialogo fra il Papa e i sei astronauti sulla Stazione spaziale internazionale, che rappresentano l’umanit, un piccolo palazzo di vetro dell’ Onu, un avamposto di pace. Straordinario collegamento ieri fra il Pontefice e gli astronauti ai quali il Papa ha posto sei domande cruciali, ma ha anche chiesto notizie sulla vita in orbita, sul senso del loro lavoro, su come sembra la Terra vista dall’alto. Al suo fianco, il presidente della Agenzia spaziale italiana Roberto Battiston e Josef Aschbacheta, direttore dei programmi di osservazione della terra dell’Esa. A bordo, hanno risposto alle sue domande i russi Alexander Misurkin e Sergey Ryazanskiy, gli americani Randy Bresnik, Mark Bandeari e Joe

Acaba.

Il posto dell’uomo nell’universo

Caro dottor Nespoli, cari astronauti – ha esordito Papa Bergoglio – penso che l nella stazione spaziale le giornate scorrono in modo diverso vero? Ringrazio voi e quanti hanno organizzato questo colloquio che mi da possibilit di incontrarvi e rivolgervi alcune domande. La prima questa: l’astronomia ci fa contemplare orizzonti sconfinati dell’universo e sorgono in noi domande, ‘da dove veniamo? Dove andiamo? E a Nespoli ha chiesto quale il suo pensiero sul posto dell’uomo nell’universo?. Sono a mio agio tra macchine e esperimenti – ha risposto l’ astronauta italiano, alla sua terza esperienza sulla Iss – e quando si parla di altre cose rimango anche io perplesso, un discorso molto delicato, il nostro obiettivo qua conoscere, pi conosciamo pi ci rendiamo contro di conoscere poco, mi piacerebbe che persone come lei, e anche teologi e filosofi potessero venire qui.

La posizione dell’uomo nell’universo: il dialogo tra il Papa e l’astronauta Paolo Nespoli direttamente dalla #ISS… https://twitter.com/i/web/status/923537239220637697

Agenzia Spaziale ITA(ASI_spazio)

Battiston: collaborazione internazionale al servizio della pace

sei uomini dell’equipaggio della Stazione Spaziale, fra i quali l’italiano Paolo Nespoli, rappresentano una diversit di culture, ma tutti insieme per far funzionare un grande laboratorio in orbita, ha detto Battiston subito dopo il

collegamento, al quale ha assistito insieme ad Aschbacher. Il colloquio – ha proseguito – si inquadra nella storia della Stazione Spaziale, nata quasi 20 anni fa all’epoca della guerra fredda e oggi diventata un luogo unico di collaborazione

internazionale. Alla sua costruzione hanno infatti contribuito Stati Uniti, Russia, Canada, Europa e Giappone, e insieme continuano a gestirla. Lo spazio – ha rilevato – non solo un posto speciale da cui vedere la Terra, ma un modello di collaborazione internazionale al servizio della pace. (Nicoletta Cottone)

Nespoli chiama Terra: il primo collegamento di @Astropaolo

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close