In Opel avevano davanti a sé due strade: la prima, quella più “facile”, era la creazione di un’evoluzione della prima generazione della loro ammiraglia, lanciata nel 2009. La seconda, quella più ardua – ma anche quella che avrebbe potuto dare i risultati migliori – era la creazione di un modello capace di troncare i ponti con il recente passato.

Così, da Russelsheim hanno deciso di battere questo secondo cammino, con risultati considerevoli già ad una prima occhiata: nasce quindi la nuova Opel Insignia Grand Sport. L’auto, che verrà presentata ufficialmente al pubblico in occasione del prossimo Salone di Ginevra, è lunga 4,90 metri, con un passo cresciuto di 92mm rispetto al passato, ed ora raggiunge un valore di 2.83 metri, a tutto vantaggio del comfort di chi siede all’interno.

Le forme, che rievocano la concept Monza, sono eleganti e ben proporzionate, forti di un abbassamento complessivo di tre centimetri, con un teorico miglioramento del piacere di guida e del feeling generale, come promettono dalla Casa.

Immancabile, poi, la cura dimagrante. Forti del lavoro svolto con la nuova Astra, i tecnici tedeschi hanno lavorato a fondo sull’utilizzo di materiali leggeri e resistenti. Il risultato? 175 kg in meno rispetto alla prima Insigna, fattore che dovrebbe giovare anche ai consumi.

Punto di domanda, per ora, sulle motorizzazioni. Dalla casa madre comunicano che l’Insignia Grand Sport monterà propulsori benzina e Diesel di ultima generazione, ai quali sarà possibile accoppiare il nuovo cambio automatico ad otto rapporti, inizialmente disponibile con la sola versione dotata di trazione integrale. In compenso, siamo riusciti a sederci alla guida della nuova Insignia poco tempo fa, e possiamo già offrirvi un’idea di massima circa il suo comportamento.

Nuovo il sistema di trazione integrale a doppia frizione multidisco a controllo elettronico, sul quale possiamo trovare di serie il torque vectoring. A livello sospensivo, poi, troviamo il sistema multi-link a cinque braccetti.

Interessante, in aggiunta,il FlexRide, che consente al guidatore di modificare la taratura dello sterzo, la risposta del pedale del gas e degli ammortizzatori, oltre a quella dell’Esp e del cambio automatico selezionando le modalità di guida Sport o Tour.

Sarà possibile, inoltre, dotare la nuova Insignia Grand Sport anche di head-up display, telecamera a 360°, lane assist, rear cross traffic alert e dell’immancabile cruise control adattivo. Evoluzione importante per quanto riguarda i fari, dotati adesso di sistema IntelliLux a 32 elementi, contro i 16 dell’Astra. All’altezza della concorrenza, infine, il sistema di infotainment IntelliLink, compatibile con Android Auto ed Apple CarPlay. Da segnalare, in aggiunta, il sistema di ricarica wireless per smartphone, gli immancabili servizi Opel OnStar ed il 4G LTE.