• 22 Maggio 2022 2:52

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

M5S, dai consiglieri regionali 5,5 milioni per sanità, scuola e Pmi del Sud

Mar 10, 2018

I 33 consiglieri regionali delle cinque regioni del Sud (Basilicata, Molise, Campania, Puglia e Sicilia) finora hanno restituito complessivamente ai propri corregionali 5,5 milioni. La cifra oltre un terzo dei 12,6 milioni che tutti i consiglieri pentastellati non hanno incassato per promuovere azioni concrete sul territorio italiano. L’analisi data dalla rendicontazione a fine 2017 (in taluni casi si ferma a settembre, in altri a ottobre). Il totale restituito da ogni regione pu variare anche significativamente a causa di fattori come il numero di consiglieri eletti, il diverso trattamento economico regionale e il tempo trascorso dall’inizio della legislatura.

Elezioni 2018, l’identikit dell’elettore Cinque stelle

Gli importi comprendono indennit, indennit di funzione, rimborsi forfettari e altri rimborsi a cui il consigliere ha deciso di rinunciare. Non gli vengono accreditati e non concorrono dunque alla sua restituzione ma rimangono direttamente nella disponibilit della regione o vengono destinati dalla regione stessa a particolari fondi istituiti ad hoc (fondo di solidariet o fondo di inclusione attiva e sostegno al reddito).

Donazioni per 3,6 milioni di euro

Il dato pi corposo anche quello meno dettagliato. La Sicilia ha infatti donato nel recente passato 3.590.454,18 euro ma di pi al momento non si sa. La Regione andata al voto a novembre e per il M5S sono stati eletti 14 consiglieri (sei donne). I sette consiglieri della Campania hanno donato 495.026,05 euro di cui gi destinati 139.481,32: 106.104,15 euro all’Istituto tecnico Salvatore Rampone di Benevento (colpito pesantemente dall’alluvione di ottobre 2015, per il ripristino delle attivit didattiche, con l’acquisto dei computer e delle attrezzature per i laboratori d’informatica, grafica, tecnologico e linguistico) e 33.377,17 euro all’Ospedale Loreto di Napoli. Sono stati acquistati un ecografo e due concentratori di ossigeno. Serviranno per gli accertamenti diagnostici e l’assistenza dei quasi 70mila pazienti che ogni anno si rivolgono al pronto soccorso. Il residuo da destinare ancora molto alto: 355.544,73 euro.

Gli otto consiglieri della Puglia hanno donato 395.012,55 euro di cui gi destinati 132.790,73 euro alle pediatrie pubbliche pugliesi. La destinazione stata scelta tramite due sondaggi online e divisa in due fasi: la prima una raccolta di idee, proposte libere dal web; una volta vagliata dal gruppo consiliare la fattibilit delle proposte, il gruppo ne ha scelte quattro (messe ai voti).

Le destinazioni: dagli ospedali al microcredito

La prima “donazione” prevede il finanziamento di sale cinema nei reparti pediatrici pugliesi sprovvisti. I consiglieri hanno riscontrato la possibilit di realizzare 15 sale cinema nei reparti pediatrici degli ospedali pubblici di tutta la Puglia. L’avanzo da restituire, invece, sar ripartito per singole Asl, calibrando la donazione in rapporto al numero di abitanti della provincia. Da destinare restano 262.221,82 euro. I due consiglieri del Molise hanno donato 549.755,25 euro di cui gi destinati 419.534,70 euro. Il residuo da destinare di 130.220,55 euro. Al fondo regionale per le Pmi sono andati 240.130,87 euro, attraverso due distinti versamenti. La donazione ha incrementato il fondo di dotazione dello strumento “microcredito start up in progress”, con uno sportello presso la Finanziaria regionale (FinMolise) e gestito direttamente dall’assessorato alle Attivit produttive sotto il controllo della comunit europea (la misura all’interno del Fondo europeo di investimento).

I consiglieri hanno donato anche 10mila euro alla per la comunit di Civita Campomarano, uno dei borghi-gioiello del Molise minacciato da una frana. Consiglieri 5S di diverse regioni hanno inoltre deciso di destinare parte delle proprie indennit in progetti di solidariet per le zone terremotate del centro Italia, tra cui il Molise. Infine i due consiglieri della Basilicata hanno donato 288.441,15 euro, di cui gi destinati 251.212,95 euro. I due consiglieri hanno deciso di devolvere l’intera somma accantonata alle scuole pubbliche secondarie di secondo grado. Ogni istituto ha potuto presentare un progetto dell’importo massimo di 10mila euro perseguendo uno dei seguenti obiettivi: riduzione dell’impronta ecologica; miglioramento dell’accessibilit ai plessi scolastici e/o della fruizione della didattica e/o dei restanti servizi scolastici da parte di studenti con disabilit di qualsiasi natura; acquisto di materiali e dotazioni strumentali per la didattica, inclusi i laboratori didattici e palestre; interventi di messa in sicurezza delle aule scolastiche, inclusi laboratori didattici e palestre. Restano ancora da destinare 37.228, 20 euro.

r.galullo@ilsole24ore.com

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close