• 11 Agosto 2022 5:28

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Galli: «Il mio Niccolò elegante e dolce. Maradona? Mi lasciò di sasso» 

Apr 22, 2017

Walter Veltroni

sabato 22 aprile 2017 08:06

Galli è stato un portiere elegante e riservato. Non faceva tuffi inutili, non alimentava polemiche, aveva il sale in zucca. I portieri o sono matti, o sono saggi o sono le due cose insieme. Galli militava, come Zoff, tra i saggi. In queste righe racconta le sue gioie più belle, le partite indimenticabili, l’amore smisurato per il calcio.

E racconta il suo dolore più profondo. Un figlio, che sarebbe stato un campione, ucciso da un terribile incidente stradale. Il dolore rende ciechi o fa vedere meglio la vita e le cose. Galli è riuscito, con il sostegno della sua famiglia e di una fede profonda, a sopportare il più disumano dei dolori. È restato saggio, elegante. Vede le cose con gli occhi lucidi ma non smette di guardarle e di riconoscerle.

BOLOGNA, IL RICORDO DI NICCO’ GALLI (FOTO)

Perché da ragazzo lei ha scelto di fare proprio il portiere?

«Non è stata una mia scelta, è stata quasi una forzatura. Eravamo tutti amici, arrivavamo tutti dalle case popolari di Pisa. Decidemmo di formare una squadra e di partecipare al campionato. Io giocavo da mezz’ala all’epoca e tutto il precampionato e le amichevoli le ho fatte da centrocampista. Arrivammo alla prima giornata di campionato e, come sempre, nessuno voleva stare in porta. Il mio babbo, che mi aveva visto delle volte giocare in porta nelle nostre partite infinite del doposcuola, mi disse “Dai Giovanni, vai te in porta per questa partita, poi magari per la settimana prossima troviamo qualcun altro”. Quella partita andai in porta e vincemmo 4 a 2…» (…)

LEGGI L’ARTICOLO INTERO SULL’EDIZIONE ODIERNA DEL CORRIERE DELLO SPORT-STADIO

BERLUSCONI E MILAN, 30 ANNI DI SUCCESSI (VIDEO)

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close