• 5 Ottobre 2022 6:45

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Il rigore di una vera servitrice dello Stato

Nov 1, 2016

A proporre per primo il suo nome come presidente della Repubblica fu Beppe Grillo nel suo blog il 27 marzo 2012. Tina Anselmi, scrisse, il presidente della Repubblica ideale.

La storia prese poi un’altra piega. Il 20 aprile 2013 l’uscente capo dello Stato Giorgio Napolitano diede la disponibilit al proseguire il mandato ma sta di fatto che nessuno – Grillo a parte – tir fuori il nome di Anselmi come candidata. Vuoi per il suo stato di salute gi precario, vuoi perch il lavoro a capo della Commissione P2 e la conseguente legge sulle associazioni occulte le procur pochissimi amici e moltissimi emici.

Tina Anselmi si perit di studiare e affrontare negli anni 80 con la stessa diligenza, rigore morale, pulizia e capacit che aveva messo nella sua lunga vita parlamentare, governativa e, ancor prima, partigiana. Nel corso degli anni il suo nome e la sua statura di Servitrice dello Stato si sono distinte anche in campi fondamentali della vita italiana, come le pari opportunit, la sanit e il lavoro. Correva l’anno 1985 quando la Commissione parlamentare d’inchiesta sulla loggia massonica P2 da lei presieduta termin e present la relazione di maggioranza. Ottanta pagine che sono una fetta importante della storia italiana.

In quei mesi del 2013 ci fu anche chi si divert anche a compilare liste di sole donne papabili per il Quirinale ma il nome di Anselmi, che proprio delle pari opportunit tratt quando molte delle onorevoli presenti nelle aule parlamentari era ancora in fasce – non compariva mai.

La stessa cosa non avvenne nelle elezioni presidenziali dell’85 e del ’92, quando invece il nome di Anselmi, all’epoca in piena vigoria, apparve anche se senza mai alcuna reale convinzione politica.

La sua coerenza la port a farsi promotrice – tra mille difficolt – della legge 17 del 25 gennaio 1982 proprio in materia di associazioni segrete

La cosiddetta legge Anselmi ha appena 6 articoli contenenti “Norme di attuazione dell’ articolo 18 della Costituzione in materia di associazioni segrete e scioglimento dell’associazione denominata Loggia P2”.

Grazie a quella legge, la cui legittimit costituzionale venne affermata dalla Consulta nel 1998, venne sciolta la loggia del Maestro Venerabile Licio Gelli e i beni della P2 vennero confiscati (articolo 5). Alle persone coinvolte nell’istruttoria giudiziaria dell’allora Procuratore di Palmi, Agostino Cordova, stata contestata la violazione degli articoli 1 e 2 della legge, voluta dall’allora presidente del Consiglio, Giovanni Spadolini.

Il primo articolo afferma che si considerano associazioni segrete e come tali vietate dall’articolo 18 della Costituzione quelle che, anche all’ interno di associazioni palesi, occultando la loro esistenza ovvero tenendo segrete congiuntamente finalit e attivit sociali, ovvero rendendo sconosciuti, in tutto o in parte ed anche reciprocamente, i soci, svolgono attivit diretta ad interferire sull’ esercizio delle funzioni di organi costituzionali, di amministrazioni pubbliche, anche ad ordinamento autonomo, di enti pubblici, anche economici, nonch di servizi pubblici essenziali di interesse nazionale.

L’ articolo 2 prevede per i promotori di tali associazioni la pena della reclusione da uno a cinque anni. I semplici partecipanti sono puniti con il carcere fino a due anni. I restanti articoli stabiliscono le procedure e gli effetti di tipo disciplinare in cui incorrono i dipendenti pubblici, civili e militari, che risultino, in base a fondati sospetti, appartenere ad associazioni segrete: tra l’altro prevista la sospensione dal servizio. In questi ultimi anni alcune e coraggiose indagini giudiziarie, soprattutto in Calabria, hanno messo al centro proprio la violazione della legge.

Anselmi nel 2007, rilasci un’intervista sul sito di articolo21, che le pose questa domanda mente si discuteva della valenza delle intercettazioni: Onorevole Anselmi, non c’ nulla di questa vicenda che le faccia venire in mente la massoneria …la Loggia di Gelli che lei ha avuto modo di conoscere attraverso l’inchiesta parlamentare? .

Tina Anselmi dopo un lungo sorriso, rispose: Forse molte cose che continuano a succedere possono avvenire e ripetersi proprio perch non stata fatta ancora piena luce su quanto avevamo scoperto con la Commissione parlamentare sulla P2. In questo senso le classi dirigenti politiche che si sono succedute in questi anni hanno una grandissima responsabilit. Spesso mi chiedo: Perch non hanno voluto andare a fondo? Perch nessuno ha voluto capire cosa c’era veramente dietro? Perch nessuno ha voluto vederci chiaro dopo che in alcuni articoli pubblicati (uno anche a firma del figlio di Gelli) si sostenuto che gli affiliati alla Loggia P2 erano molti di pi di quelli che la mia Commissione aveva scoperto? Chi sono? Credo che finch non si far piena luce su quella drammatica vicende non capiremo fino in fondo chi trama dietro le quinte e se le intercettazioni di questi ultimi mesi sono collegate e collegabili a quel potere occulto che, ne sono convinta, c’ e attraversa tanti ambiti della nostra societ…anche quelli pi insospettabili….anche quelli che dicono di volersi occupare solo di ideali o di spirito.

Ce n’ abbastanza per riflettere e formarsi un’opinione in punto di morte di un vero Servitore dello Stato.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close