La pi grande tragedia dell’immigrazione, con 970 morti, raccontata in un film, Come profondo il mare. Era il 18 aprile 2015: un barcone carico di migranti si ribalta al largo delle coste della Libia.

Le operazioni per riportare a galla il relitto

Solo 28 i superstiti

stato il pi grave naufragio della storia recente del Mediterraneo. Solo 28 i superstiti a raccontare cosa accaduto quel giorno. Centinaia i cadaveri rimasti intrappolati nel relitto nel canale di Sicilia, a 370 metri di profondit. per oltre un anno.

Le operazioni di recupero del relitto nelle acque del Mediterraneo

Il recupero un anno dopo la tragedia

Parte dalle immagini del fondale dove il barcone si inabissato nel 2015 e di quelle esclusive del suo recupero un anno dopo, il film prodotto da 42 Parallelo, in onda domenica 27 novembre alle 23.15 su Sky Atlantic HD e su Sky TG24 Active.

Il relitto inabissato a 370 metri di profondit

Molte immagini registrate dai migranti

Una tragedia raccontata tramite le immagini registrate in presa diretta anche dai migranti, con l’audio originale. Ci sono poi riprese inedite che documentano la pi grande operazione di recupero mai avvenuta, disposta dal Governo e coordinata dalla Marina Militare per dare degna sepoltura alle vittime. Un film che racconta tutta la disperazione dei migranti e l’orrore dei naufragi che da anni, segnano il Mediterraneo.

Il relitto del barcone

© Riproduzione riservata