• 1 Luglio 2022 9:36

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

F1 Brasile, Raikkonen: «Bel posto per correre»

Nov 8, 2016

martedì 8 novembre 2016 12:38

INTERLAGOS – La Formula 1 si sposta in Brasile per il penultimo atto del Mondiale. Sede di trentatrè edizioni del Gran Premio – altre dieci sono state disputate sul Circuito di Jacarepaguá, a sud-ovest di Rio de Janeiro – l’insolito tracciato realizzato tra i due laghi artificiali Guarapiranga e Billings mescola parti guidate a tratti ad elevata velocità. Qui, oltre alle insidie nascoste in alcune delle sue quindici curve, a contare sono anche gli 800 metri di altitudine ed il senso di percorrenza, antiorario come sui circuiti di Austin, Singapore e Abu Dhabi.

CIRCUITO INSOLITO «È un bel posto per correre», dice Kimi Raikkonen, alla vigilia della sua tredicesima volta ad Interlagos, la pista dove è diventato campione del mondo con la Ferrari nel 2007. «È un circuito diverso dal solito, una pista vecchia scuola – continua il finlandese sul sito ufficiale della Scuderia – Un giro dura poco e non ci sono molte curve ma è difficile fare un buon crono e i tempi sono sempre ravvicinati: perdere un decimo qui equivale a molte posizioni in griglia. Non esistono molti circuiti che vanno in senso antiorario, per cui è sempre qualcosa di nuovo. Spesso la pista viene riasfaltata e mentre all’inizio va tutto bene, poi anno dopo anno torna ad essere sconnessa e sempre più impegnativa. Ora hanno cambiato un po’ i cordoli e quindi anche il “ritmo” del giro. Alla fine il tracciato in sé non è troppo complicato, ma si fa sempre fatica a trovare il 100% della prestazione».

Marchionne: «Competitivi nel 2017»

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close