• 29 Giugno 2022 20:59

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Inter, Pioli sogna la Champions: servono 55 punti

Nov 10, 2016

giovedì 10 novembre 2016 10:17

MILANO – «Bisogna crederci». Tra i diversi punti toccati da Pioli durante il suo primo discorso alla squadra (dimezzata dalle Nazionali) c’era proprio quello della convinzione. E il riferimento era alla Champions. Il ritorno nell’Europa che conta, infatti, resta l’obiettivo principale dell’Inter. Anche se, al momento, le distanze dal secondo posto, occupato dalla Roma, e dal terzo, guadagnato a sorpresa dal Milan, sono rispettivamente 9 e 8 punti. Inutile menzionare la Juventus, che si trova lassù a +13, evidentemente irraggiungibile, anche perché occorrerebbe che i bianconeri crollassero. Ma per il podio i giochi sono tutt’altro che fatti. Le ultime stagioni raccontano di rimonte perfino clamorose. La stessa Roma, nello scorso campionato, “mangiò” diverse lunghezze proprio all’Inter, fino a chiudere con 13 punti di vantaggio. Proprio Pioli, peraltro, nella sua prima stagione sulla panchina della Lazio (2014/15), si trovò alla 22ª giornata a -8 dal Napoli, ma grazie a 8 vittorie consecutive confezionò il ribaltone, staccando gli azzurri di 8 lunghezze, per poi terminare il torneo a +5. Non da meno, per concludere, fu il Milan targato Allegri nel 2012/13. Dopo 12 turni, quel Diavolo aveva messo insieme solo 14 punti, 3 in meno rispetto all’Inter di oggi. Ebbene, tagliò il traguardo con un bottino di 72, conquistando la terza piazza e il pass Champions.

LA CARICA DI PIOLI

QUINDICI VITTORIE – Qualcosa di molto simile deve fare anche Pioli nella sua nuova avventura. Quota 72, infatti, è la media del terzo posto negli ultimi 10 campionati. Per raggiungerla, occorrono 55 punti nelle restanti 26 partite. Significa viaggiare ad una media di 2,11 a gara. Difficile, ma oggettivamente non impossibile, tenuto conto del valore della rosa nerazzurra. Volendo provare a immaginare un percorso, a esempio, l’Inter dovrebbe vincere 15 volte, pareggiare 10 e perdere soltanto una partita.

Leggi l’articolo completo sull’edizione odierna di Corriere dello Sport

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close