• 16 Agosto 2022 21:18

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Il match goliardico tra Panatta e Bertolucci che spopola sui social

Ago 3, 2022

AGI – “71 anni fa, a Forte dei Marmi, nasceva Paolo Bertolucci; un giocatore di grandissimo talento (insomma) e con un rovescio rimasto nella storia del tennis (adesso non esageriamo). Grande doppista (più o meno) e vincitore della Coppa Davis (ma ndannavi senza di me?). Auguri amico mio”.

Nel giorno del compleanno di Paolo Bertolucci, si rinnova su Twitter la schermaglia tra il toscano e Adriano Panatta, diventati grazie alla docuserie ‘Una squadra’ di Domenico Procacci e alla assidua e intelligente frequentazione dei social network, una vera e propria nuova coppia dello spettacolo sul genere di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Oggi Bertolucci risponde con tono forzatamente stizzito agli auguri di Panatta: “Incredibile come si sia rovesciato il mondo! Tutti devono sapere che Sono diventato un buon doppista nonostante avessi di fianco quella pippa di Adriano Panatta”.

E l’ex vincitore di Roma e Parigi controreplica: “Che reazione scomposta, hai accusato il colpo eh?” (faccine che ridono). Quindi altra risposta di Bertolucci: “Ho sempre volteggiato mai nessuno mi aveva dato dello ” scomposto”. Fine, per ora della schermagia ‘amorosa’.

L’ultima di tante che in questi mesi, dopo che Procacci ha riportato in auge la coppia più forte e vincente del nostro tennis con la docuserie di Sky ‘Una squadra’ sul dream team che ha vinto la Coppa Davis 1976. Un programma incentrato sulle interviste dei cinque protagonisti – Panatta e Bertolucci, Corrado Barazzutti, Tonino Zugarelli e Nicola Pietrangeli, il capitano non giocatore – magistralmente alternate con un montaggio e immagini di repertorio che rende piacevolissima la visione.

Senza nulla togliere agli altri, i due veri protagonisti, però, sono proprio Bertolucci e Panatta, compagni di doppio ma anche conviventi per anni a Roma dove Bertolucci faceva le faccende di casa e Panatta cucinava, un po’ moglie e marito… Con Paolo che approfittava del grande successo di Adriano con le donne per ‘cuccare’ quelle che non riuscivano a raggiungere il compagno più ambito. La schermagia odierna, a ben vedere, è la replica della prima, di quella che forse ha dato il là a questo corso goliardico su Twitter.

Il 9 luglio, giorno del 72simo compleanno di Adriano Panatta, Bertolucci ha scritto: “Nonne di tutta Italia, ricordatevi di fare gli auguri al vecchio Panatta. Oggi è il suo compleanno!”. Apriti cielo! Vecchio io? Si dev’essere detto l’ex campione romano. E giù l’invettiva con tanto di maledizioe: “”Ha parlato il pischello… Spero ti venga una colite domani mentre commenti la finale di Wimbledon. Brutta merdaccia!!”.

Poi, il 29 luglio, ha annunciato l’imminente compleanno di Paolo e, con la solita goliardia, ha scritto: “Volevo ricordare a tutti che il 3 agosto è il compleanno di Paolo Bertolucci. Vorrei fargli un regalo e sono indeciso tra: maxi confezione di pannoloni; apparecchio Amplifon; 10 scatole di Prostamol; salvavita Beghelli. Si accettano consigli…”. La replica del toscano è giunta immediata e pungente: “Caro Adriano, il tentativo di riciclare i regali ricevuti per il proprio compleanno e’ un gesto misero, squallido e sordido”.

E oggi l’ennesima puntata di una ‘partita’ che diverte i follower e che potrebbe trovare un seguito anche seriale, magari affidando la regia a Domenico Procacci che ha il merito di averli (ri)scoperti. In effetti il produttore della Fandango, appassionato di tennis e neoregista, conosce i meccanismi dello spettacolo e del cinema come pochi. E l’idea probabilmente l’ha accarezzata. “Quando ci parlò di ‘Una squadra’, l’idea era di fare questa serie quasi per gioco – ha raccontato all’AGI Bertolucci – ma pian piano che andava avanti con le interviste mi sono accorto che nei suoi occhi si accendeva una luce nuova: aveva capito che questa docuserie potenzialmente era esplosiva. E così è stato”.

Sono cominciate le riprese della nuova sit-com “Casa Davis” con @AdrianoPanatta e @paolobertolucci

#AdrianoPanatta #PaoloBertolucci #panatta #bertolucci pic.twitter.com/JFJ6K1bIn6

— Angelo Orefice (@casa_orefice)
July 10, 2022

Chissà se risulterà profetico il magnifico meme di Angelo Orefice su Twitter in cui si legge “Sono cominciate le riprese della nuova sit-com ‘Casa Davis’ con Adriano Panatta e Paolo Bertolucci” sopra una foto di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini al letto con i volti, rispettivamente, di Adriano Panatta e Paolo Bertolucci. Un fotomontaggio che ha divertito molto anche gli interessati e che è stato così commentato dall’ex campione di Forte dei Marmi: “Fantastica!! Devi invertire la posizione. Io a dx e lui a sx”. 

AGI – “71 anni fa, a Forte dei Marmi, nasceva Paolo Bertolucci; un giocatore di grandissimo talento (insomma) e con un rovescio rimasto nella storia del tennis (adesso non esageriamo). Grande doppista (più o meno) e vincitore della Coppa Davis (ma ndannavi senza di me?). Auguri amico mio”.
Nel giorno del compleanno di Paolo Bertolucci, si rinnova su Twitter la schermaglia tra il toscano e Adriano Panatta, diventati grazie alla docuserie ‘Una squadra’ di Domenico Procacci e alla assidua e intelligente frequentazione dei social network, una vera e propria nuova coppia dello spettacolo sul genere di Sandra Mondaini e Raimondo Vianello. Oggi Bertolucci risponde con tono forzatamente stizzito agli auguri di Panatta: “Incredibile come si sia rovesciato il mondo! Tutti devono sapere che Sono diventato un buon doppista nonostante avessi di fianco quella pippa di Adriano Panatta”.
E l’ex vincitore di Roma e Parigi controreplica: “Che reazione scomposta, hai accusato il colpo eh?” (faccine che ridono). Quindi altra risposta di Bertolucci: “Ho sempre volteggiato mai nessuno mi aveva dato dello ” scomposto”. Fine, per ora della schermagia ‘amorosa’.

L’ultima di tante che in questi mesi, dopo che Procacci ha riportato in auge la coppia più forte e vincente del nostro tennis con la docuserie di Sky ‘Una squadra’ sul dream team che ha vinto la Coppa Davis 1976. Un programma incentrato sulle interviste dei cinque protagonisti – Panatta e Bertolucci, Corrado Barazzutti, Tonino Zugarelli e Nicola Pietrangeli, il capitano non giocatore – magistralmente alternate con un montaggio e immagini di repertorio che rende piacevolissima la visione.
Senza nulla togliere agli altri, i due veri protagonisti, però, sono proprio Bertolucci e Panatta, compagni di doppio ma anche conviventi per anni a Roma dove Bertolucci faceva le faccende di casa e Panatta cucinava, un po’ moglie e marito… Con Paolo che approfittava del grande successo di Adriano con le donne per ‘cuccare’ quelle che non riuscivano a raggiungere il compagno più ambito. La schermagia odierna, a ben vedere, è la replica della prima, di quella che forse ha dato il là a questo corso goliardico su Twitter.
Il 9 luglio, giorno del 72simo compleanno di Adriano Panatta, Bertolucci ha scritto: “Nonne di tutta Italia, ricordatevi di fare gli auguri al vecchio Panatta. Oggi è il suo compleanno!”. Apriti cielo! Vecchio io? Si dev’essere detto l’ex campione romano. E giù l’invettiva con tanto di maledizioe: “”Ha parlato il pischello… Spero ti venga una colite domani mentre commenti la finale di Wimbledon. Brutta merdaccia!!”.
Poi, il 29 luglio, ha annunciato l’imminente compleanno di Paolo e, con la solita goliardia, ha scritto: “Volevo ricordare a tutti che il 3 agosto è il compleanno di Paolo Bertolucci. Vorrei fargli un regalo e sono indeciso tra: maxi confezione di pannoloni; apparecchio Amplifon; 10 scatole di Prostamol; salvavita Beghelli. Si accettano consigli…”. La replica del toscano è giunta immediata e pungente: “Caro Adriano, il tentativo di riciclare i regali ricevuti per il proprio compleanno e’ un gesto misero, squallido e sordido”.
E oggi l’ennesima puntata di una ‘partita’ che diverte i follower e che potrebbe trovare un seguito anche seriale, magari affidando la regia a Domenico Procacci che ha il merito di averli (ri)scoperti. In effetti il produttore della Fandango, appassionato di tennis e neoregista, conosce i meccanismi dello spettacolo e del cinema come pochi. E l’idea probabilmente l’ha accarezzata. “Quando ci parlò di ‘Una squadra’, l’idea era di fare questa serie quasi per gioco – ha raccontato all’AGI Bertolucci – ma pian piano che andava avanti con le interviste mi sono accorto che nei suoi occhi si accendeva una luce nuova: aveva capito che questa docuserie potenzialmente era esplosiva. E così è stato”.

Sono cominciate le riprese della nuova sit-com “Casa Davis” con @AdrianoPanatta e @paolobertolucci#AdrianoPanatta #PaoloBertolucci #panatta #bertolucci pic.twitter.com/JFJ6K1bIn6 — Angelo Orefice (@casa_orefice)
July 10, 2022

Chissà se risulterà profetico il magnifico meme di Angelo Orefice su Twitter in cui si legge “Sono cominciate le riprese della nuova sit-com ‘Casa Davis’ con Adriano Panatta e Paolo Bertolucci” sopra una foto di Raimondo Vianello e Sandra Mondaini al letto con i volti, rispettivamente, di Adriano Panatta e Paolo Bertolucci. Un fotomontaggio che ha divertito molto anche gli interessati e che è stato così commentato dall’ex campione di Forte dei Marmi: “Fantastica!! Devi invertire la posizione. Io a dx e lui a sx”. 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close