• 29 Giugno 2022 20:31

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Il bambino nell’auto della tragedia dell’asilo non ricorda nulla

Mag 19, 2022

AGI –  Ascoltato da uno psicologo non ricorda nulla di quanto è accaduto. Si tratta del 12enne figlio della donna indagata per omicidio stradale in relazione all’incidente che ieri ha visto la morte di un bimbo di 4 anni ed il ferimento di altri cinque di cui uno più grave fuori la scuola materna ‘1 maggio’ dell’Aquila.

Il minore era seduto lato passeggero della macchina una “Volkswagen Passat staion wagon’ che sfrenandosi ha investito i minori protetti da un cancello. La mamma che era alla guida della macchina si era allontanata per riprendere altre due figlie gemelle.

Sarà una consulenza disposta dal pm titolare del fascicolo Stefano Gallo a chiarire se si sia verificato un guasto meccanico oppure il ragazzino involontariamente ha sfrenato il mezzo.

A soccorrere i sei ragazzini intrappolati dal cancello nel frattempo divelto e dalla macchina, squadre dei vigili del fuoco che hanno dovuto alzare il mezzo per permettere ai piccoli di essere tirati fuori. Il più grave è stato lungamente rianimato sul posto dal personale medico del 118 intervenuto anche con un elicottero, è morto dopo poco l’arrivo al pronto soccorso. Un’altra bambina coinvolta nella tragedia è ricoverata a Roma in gravi condizioni, stabili gli altri quattro bimbi.

L’area dell’incidente resta sequestrato. 

Il racconto della mamma del ragazzino in auto

“Ho lasciato mio figlio in auto, sono sicura di aver lasciato la macchina in pianura e di avere inserito la marcia, poi ad un certo punto sono andata a prendere le due mie figlie gemelline, sotto. Dopo due minuti ho visto la macchina passare ho provata a fermarla ma non ci sono riuscita. Mi sono data da fare per prestare i soccorsi”, ha detto al proprio avvocato di fiducia, la 38enne mamma, alla guida della Passat, di origini bulgare e che fa parte di una famiglia che da anni vive e lavora da anni all’Aquila dove è perfettamente integrata e stimata, indagata dalla procura aquilana per omicidio stradale.

La donna non si dà pace per quanto accaduto, così come i suoi familiari: lei è casalinga, il marito operaio. Vivono all’Aquila con i tre figli, il 12enne che era all’interno dell’auto quando la mamma è scesa per riprendere i due gemellini di cinque anni. La Passat è di proprietà di un giovane parente.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close