• 20 Giugno 2021 23:11

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

NBA, il Gallo canta. Le big franano

Ott 22, 2017

domenica 22 ottobre 2017 12:17

ROMA – Seconda vittoria stagionale per i Los Angeles Clippers di Danilo Gallinari (12 punti nonostante un non esaltante 4/14 dal campo e 8 rimbalzi) e Blake Griffin (29 punti e 8 rimbalzi) che nella notte hanno strapazzato con un perentorio 130-88 i Phoenix Suns che per la seconda volta in questo scorcio iniziale di campionato subiscono un passivo superiore ai 40 punti. Unico neo della serata quasi perfetta dei californiani è stato l’infortunio occorso alla caviglia di Teodosic nel primo tempo. Continua invece il momento di appannamento delle big che devono ancora trovare la giusta quadratura del cerchio e una buona forma: i Cavaliers, privi di Rose, sono infatti stati sconfitti 113-94 dai sorprendenti Orlando Magic di Nikola Vucevic (23 punti) che hanno cominciato la gara con un parziale mortifero di 36-18 messo a segno nei soli primi 12 minuti. Se Cleveland piange, Golden State di certo non ride visto che anche i Warriors sono caduti 111-101 per mano dei Memphis Grizzlies di un sontuoso Marc Gasol che ha chiuso la serata con 34 punti e 14 rimbalzi. A rendere ancor più palese il momento di difficoltà dei campioni in carica ci ha pensato anche il nervosismo di Curry (37 punti) e Durant (29 punti), entrambi espulsi nel finale. Nottata da dimenticare ianche per gli Oklahoma City Thunder di un Russell Westbrook ben al di sotto dei suoi standard (6 punti e 2/11 dal campo), che si sono inchinati, nonostante i 26 punti di Anthony e i 22 di George, al cospetto dei Jazz che l’hanno spuntata con un eloquente 96-87.

ANTETOKOUNMPO SHOW. BENE SPURS E ROCKETS – Chi invece sta attraversando un momento di straordinaria forma personale è senza alcun dubbio il greco Giannis Antetokounmpo che questa notte ha mandato a bersaglio la bellezza di 44 punti, nuovo massimo in carriera, a cui ha aggiunto anche 8 rimbalzi e 4 assist risultati determinanti per spingere i Bucks al successo 113-110 sui Trial Blazers. Orfani di Chris Paul, gli Houston Rockets hanno invece appoggiato tutto il peso del loro attacco su James Harden (29 punti) che ha risposto presente e ha mandato a tappeto i Dallas Mavericks con un 107-91 che ammette ben poche repliche. Vittoria abbastanza agevole, infine, anche per gli Spurs che, in attesa di riabbracciare Parker e Leonard, si sono affidati a LaMarcus Aldridge (28 punti) per avere ragione dei Bulls, sconfitti 87-77.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close