• 15 Aprile 2021 7:23

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Giustizia, in Puglia rischia di saltare il processo alla cupola della sanità: “Prescritti quasi tutti i reati”

Ott 4, 2016

Nel processo sulla presunta malagestione della sanità pugliese in cui è imputato l’ex senatore pd Alberto Tedesco sono prescritti 23 dei 25 capi d’imputazione contestati. Lo ha detto in udienza il presidente del collegio dei giudici dinanzi al quale si sta celebrando il procedimento nei confronti di 18 persone. Il tribunale non ha tuttavia formalmente dichiarato il non luogo a procedere per prescrizione, riservandosi di farlo alla prossima udienza il 10 gennaio 2017.

Gli unici due reati che resterebbero in piedi sono l’associazione per delinquere e un episodio di concussione risalente al gennaio 2009, contestati a dieci imputati. Tedesco, all’epoca assessore regionale alla Sanità, è accusato di avere fatto parte della presunta ‘cupola’ che fra il 2005 e il 2009 avrebbe gestito la sanità in Puglia. “Una rete – secondo la Procura di Bari – in grado di controllare forniture e gare di appalto che venivano illecitamente pilotate verso imprese facenti capo a imprenditori collegati da interessi familiari ed economici con i referenti politici e che erano in grado di controllare rilevanti pacchetti di voti elettorali da dirottare verso Tedesco in occasione delle competizioni elettorali”.

Agli imputati, dirigenti delle aziende ospedaliere e imprenditori, sono contestati a vario titolo i reati di associazione per delinquere e concussione (unici due ancora in piedi), abuso d’ufficio, corruzione, falso, turbativa d’asta, truffa, peculato e rivelazione del segreto d’ufficio (tutti prescritti). Fra gli imputati che rispondono di reati ormai troppo risalenti nel tempo c’è anche Lea Cosentino, ex direttore generale della Asl di Bari. Il processo prosegue comunque con l’audizione di testimoni per accertare la sussistenza delle contestazioni residue. A gennaio sarà citato dall’accusa, rappresentata dall’aggiunto Lino Giorgio Bruno e dal pm Luciana Silvestris, l’imprenditore barese Gianpaolo Tarantini, imputato in altri processi sulla sanità

pugliese.

L’inchiesta della magistratura barese sulla cosiddetta ‘cupola’ di Tedesco portò nel febbraio 2011 all’arresto di cinque indagati e alla richiesta di autorizzazione a procedere anche all’arresto dell’allora senatore pd. La richiesta fu bocciata tuttavia per due volte dal Senato ed eseguita soltanto nel marzo 2013, alla scadenza del mandato parlamentare e quindi dell’immunità. Tedesco rimase ai domiciliari per 12 giorni.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close