• 14 Agosto 2022 14:22

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Entro 50 anni la siccità raggiungerà livelli mai visti prima

Lug 1, 2022

AGI – Un futuro in cui le condizioni di siccità aberranti diventeranno più frequenti sembra sarà la nuova normalità. A constatarlo è stato un nuovo studio condotto dall’Istituto Nazionale per gli Studi Ambientali (NIES), in Giappone, e pubblicato su Nature Communications.

Gli impatti del riscaldamento previsti mostrano significative disparità regionali nella loro intensità e nel ritmo della loro crescita nel tempo. In circa 30-50 anni, si prevede che condizioni di siccità senza precedenti saranno più frequenti e consecutive in alcune regioni anche con uno scenario di bassa concentrazione di gas serra.

Per una strategia di successo sul cambiamento climatico, è fondamentale capire come gli impatti del riscaldamento globale possono evolversi nel tempo. “Per quanto riguarda le precipitazioni e la temperatura, studi precedenti riportano i tempi in cui emerge l’impatto del cambiamento climatico. Tuttavia, nessuno studio ha stimato con successo i tempi in termini di siccità concentrandosi sullo scarico dei fiumi su scala globale”, ha affermato Tokuta Yokohata, coautore e un capo ricercatore senior della sezione di analisi dei rischi del sistema terrestre presso la divisione del sistema terrestre, NIES.

“Una valutazione temporale sulle future condizioni di siccità rispetto alle nostre esperienze storiche è essenziale per adottare strategie adeguate ai cambiamenti climatici, in particolare per gli adattamenti climatici, a lungo termine e nel tempo”.

“Gli impatti previsti del riscaldamento mostrano significative disparità regionali nella loro intensità e nel ritmo della loro crescita nel tempo”, ha dichiarato l’autore principale corrispondente Yusuke Satoh, professore associato di ricerca presso il Korea Advanced Institute of Science & Technology.

“Entro la metà di questo secolo, gli aumenti della frequenza della siccità saranno statisticamente significativi nel 25 per cento e nel 28 per cento della Terra, in scenari di concentrazione rispettivamente bassa e alta di gas serra. Regioni specifiche – ha continuato – mostreranno aumenti sostanziali di oltre il doppio della frequenza attuale. In entrambi gli scenari, i cosiddetti hotspot di aumento della siccità includono le regioni mediterranee, l’America meridionale e centrale, l’Australia, ecc. Alcune regioni mostreranno un aumento costante della frequenza della siccità“.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close