• 17 Luglio 2024 11:50

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Borse europee in calo. Milano tiene in positivo

Nov 30, 2017

MILANO – Ore 9.15. Listini europei positivi nel Vecchio Continente dopo la chiusura mista registarta ieri a Wall Street, con il Dow Jones che ha migliorato ancora il proprio primato e il Nasdaq che ha chiuso in calo spinto al ribasso dal settore tecnologico, in affanno per tutta la seduta. MIlano guadagna in avvio lo 0,16%, Londra lo 0,3% mentre Parigi flette dello 0,06%.


I cali nel settore tecnologico hanno coinvolto anche i mercati asiatici dove però Tokyo è riuscito ad archiviare la seduta in rialzo grazie all’indebolimento dello yen che ha avvataggiato tutto il settore dell’export. A fine giornata l’indice Nikkei ha mostrato un progresso dello 0,57% a 22.724,96 punti, mentre il Topix è salito dello 0,33% a 1.792,08 punti.

Sul fronte valutario l‘euro si rafforza ancora sul dollaro. La moneta unica viene scambiata a inizio seduta a 1,1871 dollari contro i 1,1850 di ieri. La divisa Usa perde posizioni nonostante i segnali positivi in arrivo dagli Usa sul fronte della riforma fiscale con i Repubblicani al lavoro sulle limature del testo in vista della discussione e del voto. Non sono cadute nel vuoto poi le preoccupazioni espresse ieri dalla presidente uscente della Fed Janet Yellen, a proposito del rischio che la riforma impatti eccessivamente sul debito pubblico americano. Lo spread resta ai minimi, a 139 punti con il rendimento dei decennali italiani è stabile all’1,78%.

Sul fronte più strettamente macro in mattinata verranno diffusi per l’Italia e la zona euro aggiornamenti su prezzi al consumo e tasso di disoccupazione (consenso, nel caso dell’eurozona, fissato a +1,6% e 8,9%). Oltre al consueto aggiornamento sulle nuove richieste di sussidio, per quanto riguarda gli Stati Uniti sono in calendario le statistiche su bilancia delle partite correnti, l’indice dei prezzi PCE, redditi-spese e il Chicago Pmi.

Il prezzo del petrolio inverte la rotta dopo i cali degli ultimi giorni, mentre i mercati guardano alla riunione di Vienna, dove Paesi Opec e non Opec discuteranno del prolungamento dei tagli alla produzione. L’estensione dell’attuale intesa che scade a marzo è data praticamente per certa, mentre si dovrà trattare per decidere la durata dell’accordo. Sui mercati asiatici i future sul Light crude Wti salgono di 19 cent a 57,49 dollari e quelli sul Brent crescono di 35 cent a 63,43 dollari al barile.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close