• 20 Giugno 2021 23:44

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Bahamas Leaks, i primi nomi degli italiani con i conti segreti offshore

Set 23, 2016

Eccole, confuse tra i documenti dei Bahamas Leaks le pallide tracce lasciate dalla famiglia Ligresti tra le soleggiate spiagge di Nassau. Qui Salvatore Ligresti aveva creato 25 anni fa i trust che controllavano segretamente il 20% della Premafin, la finanziaria attraverso la quale l’ingegnere siciliano possedeva il suo impero. Ligresti fu arrestato il 16 luglio 1992, nel pieno dell’inchiesta Mani Pulite, e scarcerato il 25 novembre dello stesso anno. Tre mesi dopo, il 20 febbraio 1993, nacque alle Bahamas il Monarch Trust, il cui beneficiario e protector era Salvatore Ligresti. Cinque giorni dopo, sempre alle Bahamas, nasceva il The Queen Trust, il cui protector era la moglie di Ligresti. Il 25 giugno dello stesso anno spuntava anche un terzo trust, il The Heritage Trust. Tutti e tre controllavano il 24,5% dei titoli Premafin attraverso decine di altre societ, fondazioni, Anstalt, Stiftung e trust domiciliati in Liechtenstein, Panama e Isole vergini britanniche. Prima del crack del gruppo Ligresti l’Heritage possedeva il 12,15% di Premafin e l’Ever Green il 7,85%.

Di questi trust nelle carte dei Bahamas Leaks, trafugate da una ignota gola profonda, per ora non c’ traccia ma nell’arcipelago dei Caraibi compaiono alcuni personaggi legati alla galassia Ligresti. il settimanale L’Espresso – l’unico giornale italiano ad aderire al Consorzio internazionale giornalisti investigativi (Icij) che ha messo le mani sulle informazioni di oltre 175mila societ offshore registrate alle Bahamas – a raccontare nel numero in edicola chi sono gli italiani di casa a Nassau.

Gli affari immobiliari del banchiere Saladino

Tra i nomi c’, per esempio, il banchiere italiano Antonio Saladino, che in Svizzera aveva fondato la Gesfid, una banca di gestioni patrimoniali di Lugano venduta al gruppo Ligresti e poi da questi ceduta alla Pkb (Private Kredit Bank) sempre di Lugano, poco prima che l’ingegnere di Patern venisse travolto dalle inchieste giudiziarie nel 2010. Nel ’90 – scrive L’Espresso – Saladino ha lanciato un maxi investimento ai Caraibi, per la precisione nell’isola di Canounan, nell’arcipelago delle Grenadine.

Voleva costruire un polo turistico per vip con hotel di lusso ma poi l’affare sfumato, dopo che si era persino ventilato un interesse del miliardario americano e candidato alla presidenza, Donald Trump. Saladino compare oggi in una decina di societ registrate alle Bahamas, tra le quali la Canounan Resorts Development Ltd. Del consiglio direttivo della Canounan Resorts ha fatto parte, tra il 1998 e il 2004, l’imprenditore Luca Rossetti, titolare con i fratelli Dario e Diego del calzaturificio Rossetti di Parabiago.

Bravetti e Banca Arner

Un altro nome che spunta dai dossier quello del banchiere Nicola Giorgio Bravetti, fondatore della Banca Arner di Lugano e gestore di conti segreti di Silvio Berlusconi alle Bahamas. Bravetti era direttore della Capricorn Management Services Ltd insieme a Mario Speciale, dirigente di Fondiaria Sai all’epoca dei Ligresti e amministratore di varie societ della galassia dell’ingegnere siciliano, come la Sai Mercati Immobiliari Sim. Interpellato dall’Espresso, Speciale ha negato qualsiasi legame tra i suoi ruoli di responsabilit nelle societ dei Ligresti e la Capricorn Management Services.

Banca Arner, creatura di Bravetti, risulta collegata a 430 entit delle Bahamas, tra le quali molti fondi di investimento. Bravetti stesso risulta gestore di molte societ, come Vivaldi Advisory, Dorset Advisory, Monument Holdings e altre. Nel 2015 il banchiere stato condannato a Milano, con sentenza definitiva, per aver nascosto in un fondo alle Bahamas circa 13 milioni di euro dell’imprenditore Francesco Zummo, condannato per il riciclaggio di una parte del tesoro di Vito Ciancimino, l’ex sindaco di Palermo legato alla mafia.

Il Madoff dei Parioli

C’ anche lui, Gianfranco Lande, soprannominato il Madoff dei Parioli, tra i nomi che compaiono nei Bahamas Leaks. Al centro di una truffa finanziaria da 300 milioni di euro, Lande stato poi condannato per una bancarotta da 225 milioni e ora attende altri processi. La procura di Roma lo accusa di aver dirottato proprio alle Bahamas parte dei soldi sottratti a clienti che gli avevano affidato i patrimoni. L’Espresso ha trovato i registri di queste offshore: sia quelle al centro dei processi, come Dharma Holding e European Investment Management Ltd, sia altre di cui non si sa quasi nulla, come Karla Derivaties Strategies, Eurogrowth Fund Limited, Blue Water Capital Management, Financial Tradeware.

L’uomo dello scandalo Lokheed

Nelle carte dei Bahamas Leaks compaiono anche molte societ offshore amministrate da Antonio Lefebvre d’Ovidio, uno dei protagonisti negli anni 70 dello scandalo Lockheed, il pi grave caso di corruzione della Prima Repubblica. Dopo la condanna a due anni e due mesi, Antonio Lefebvre era tornato a occuparsi di affari fino alla morte avvenuta nel 2011 e aveva amministrato la Aledo Ltd e la Eurosecurities Investments Ltd. Il figlio, Manfredi Lefebvre d’Ovidio, presidente della Silversea Investments and Participations Ltd, societ che controlla un gruppo di navi da crociera, la Silversea Cruises. Dal 1999 Manfredi amministra anche la Silver Shadow Shipping Co.

Nell’elenco delle societ trafugato c’ anche la Camillo Crociani Foundation Limited, societ registrata nel 1991, di propriet degli eredi di Camillo Crociani, ex presidente di Finmeccanica coinvolto anch’egli nello scandalo Lockeed e morto latitante in Messico nell’80 dopo una misteriosa fuga a poche ore da un ordine di arresto.

Il Giro d’Italia tra le offshore

Il database che pu essere consultato sul sito del Consorzio internazionale giornalisti investigativi (Icij) contiene molte curiosit. A Nassau, capitale delle Bahamas, per esempio la Campania e la Sicilia sembrano riscuotere molto successo a giudicare dal grande numero di societ offshore che hanno i nomi delle localit pi note delle due regioni. Il 27 aprile 1990, per esempio, vengono fondate contemporaneamente la Positano Investments Ltd e la Amalfi Investment Ltd. Nella lista delle 175mila societ compare anche la Napoli di Terra Limited e la Castellammare Limited. Ignoti, almeno per il momento, anche i titolari della Siracusa Company Ltd e della Taormina Limited. Attraverso le societ delle Bahamas si pu compiere un giro d’Italia virtuale dove quasi tutte le regioni sono rappresentate.

C’ la Lazio Investment SA, l’Umbria Investment Inc, e poi la Fossano Investment Ltd e la Biella SA. Fino ad arrivare alla Savona International Limited, la Gemona Investments Ltd, la Monte Rosa Limited, la Veneto International Limited Kkr e la Verona SA. Tra le bizzarrie dell’opaco mondo dell’offshore, compare anche una Sampdoria Limited, societ registrata nel novembre 1990 e cancellata tre anni pi tardi, forse da un ignoto tifoso di calcio. Nella lista figura anche una strana Laissez Faire Enterprises Inc, fondata nel 1992 da un presunto evasore fiscale al quale certamente non mancava l’ironia.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close