• 23 Ottobre 2021 23:42

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Appendino “costretta” a rimanere nell’Osservatorio sulla tav Torino – Lione come sindaca della città metropolitana

Dic 22, 2016

Con un piede è fuori, ma con l’altro, la sindaca Chiara Appendino, non solo resterà dentro l’Osservatorio sulla Torino-Lione, ma dovrà addirittura continuare a tenerselo in “casa”. Se da numero uno del Comune di Torino, la prima cittadina ha abbandonato lo scorso 5 dicembre l’organismo tecnico di consultazione sul Tav, da presidente della Città metropolitana sarà costretta a rimanervi. Lo ha deciso stamattina il Consiglio metropolitano, dove la prima cittadina non può contare sulla maggioranza dei voti, approvando una mozione firmara dai consiglieri del Pd, Forza Italia e Lega Nord.

L’atto è stato licenziato con 10 voti favorevoli, 8 contrari (il M5S) e un non partecipante. La sindaca Appendino dovrà rispettare l’impegno di “proseguire l’attività di partecipazione all’Osservatorio, mettendo a disposizione competenze tecniche e risorse per contribuire alla ricerca di soluzioni utili per realizzare il miglior progetto possibile, dal punto di vista sia ambientale che economico”. E sarà tenuta a continuare a dare ospitalità agli uffici dell’organismo all’ottavo piano di corso Inghilterra, nella sede dell’ex Provincia, “prorogando, alle condizioni attuali – si legge nel documento – il contratto d’uso gratuito dei locali (con un rimborso annuo di 15mila euro) all’VIII piano della sede di corso Inghilterra”.

“È la dimostrazione che Chiara Appendino e il Movimento 5 Stelle non possono pensare di governare

la Città metropolitana di Torino con i colpi di mano”, ha attaccato il capogruppo del Pd, Vincenzo Barrea, riferendosi alla lettera di sfratto inviata all’Osservatorio dalla sindaca metropolitana la scorsa estate. “I consiglieri de M5S hanno provato a spostare il ragionamento sulle motivazioni dell’opera, ma – conclude Barrea – sono stati costretti ad ammettere che la Città metropolitana di resterà nell’Osservatorio”.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close