• 7 Ottobre 2022 23:47

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Un italiano su tre ancora insensibile ai temi ambientali, ma donne attente. E i giovani incalzano le grandi aziende

Ott 24, 2016
unilever%20grom

Ecologia, equità, economia: la sostenibilità è un concetto dinamico con ampi margini di definizione. Cosa si intende per sviluppo sostenibile? Il 30% degli italiani non sa cosa voglia dire attuare comportamenti sostenibili. Lo rileva un’indagine condotta da Ales Market Research per conto di Unilever, multinazionale anglo-olandese – in prima posizione all’interno del Dow Jones Sustainability Index – che opera anche in Italia nei mercati food (Knorr, Algida, Magnum, Lipton, Grom), home e personal care.

Nelle mani delle donne il futuro della Terra

La capacità di vivere in maniera dignitosa ed equa per tutti, senza distruggere i sistemi naturali e senza oltrepassare le loro capacità di assorbire gli scarti e i rifiuti dovuti alle nostre attività produttive (definizione del Living Planet Report del WWF) è una preoccupazione prevalentemente femminile: “Se la Terra non si estinguerà, sarà grazie alle donne che si confermano essere la guida verso il cambiamento di costumi e abitudini”, si legge nella presentazione dello studio. L’80% delle intervistate, comprese tra i 35 e i 44 anni, guarda alla difesa dell’ambiente come un valore assoluto per garantire un futuro al nostro pianeta, con particolare riferimento alla lotta all’inquinamento ambientale (76%), allo spreco delle risorse naturali (69%), alla deforestazione e all’arresto del cambiamento climatico (65%), alla promozione di un’agricoltura sostenibile (60%).

Le strategie sostenibili di Unilever

I 50 anni di Unilever Italia sono un’occasione per fare il punto sulla svolta sostenibile dell’azienda: “Dal 2010 abbiamo individuato nuove strategie per fare crescere il business dimezzando l’impatto sull’ambiente e incrementando gli sforzi per garantire un equilibrio sociale attraverso la promozione di pratiche sostenibili nell’agricoltura a partire dalla filiera, attraverso politiche di genere e conciliazione in azienda, e sul territorio con la presenza di stabilimenti e la creazione di posti di lavoro – afferma Angelo Trocchia, presidente e ad di Unilever Italia – L’esito del sondaggio ci conforta dato che poniamo grandissima attenzione alla valorizzazione dei talenti femminili che, tra l’altro, rappresentano il 50% della nostra forza vendita”. Per il 72% del campione è necessario garantire l’uguaglianza di trattamento tra uomini e donne sul lavoro, per il 68% il rispetto dei diritti dei lavoratori lungo tutta la filiera, per il 50% la promozione della diversità e della libertà dagli stereotipi.

Sostenibilità, il 30% degli italiani è refrattario

Ma la strada della sostenibilità è lunga: bisogna ancora educare ad azioni concrete, che vadano oltre la raccolta differenziata. Il dato degli italiani refrattari all’etica della responsabilità (30%) non è irrilevante, “soprattutto alla luce dei più recenti summit organizzati tra i diversi Stati per fissare obiettivi ambiziosi – sostiene Paolo De Nardis, professore di Sociologia alla Sapienza di Roma – come i Sustainable Developments Goals promossi dalle Nazioni Unite o le risoluzione approvate durante COP21 a Parigi”.

Patto di fiducia con i consumatori

Più del 40% dei giovani (tra i 18 e i 34 anni) ritiene che le aziende possano avere un ruolo attivo nell’orientare responsabilmente alla scelta del cibo più equilibrato e gustoso e a quella di ingredienti sani e di provenienza italiana. Il resto del campione attribuisce maggiore responsabilità a Governi e Ong. “Sostenibilità è anche una dieta equilibrata, un welfare aziendale in grado di offrire ambienti di lavoro equi per tutti i generi”, aggiunge Angelo Trocchia. Che scommette per il futuro sul patto di fiducia tra consumatori e aziende. L’ultima mossa di Unilever (53,3mld di fatturato del 2015) è stata lo scorso anno l’acquisizione di Grom, emblema della migliore gelateria made in Italy, attenta all’ecosostenibilità.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close