• 19 Agosto 2022 23:07

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Uber e divieti: in attesa del giudizio italiano si riattiva Taipei

Apr 17, 2017
Uber e divieti: in attesa del giudizio italiano si riattiva Taipei

Non è certo una novità che in Italia ci siano ambienti, ma anche situazioni e metodi, non uguali al resto del mondo e quello della regolamentazione su un ambito così rilevante come il trasporto persone, non fa certo eccezione. Sotto certi punti di vista però, tutto il mondo è paese e quanto accaduto in Italia si è visto anche altrove. Il modello applicato da Uber per penetrare il mercato nostrano ha incontrato serie difficoltà, di cui vi abbiamo recentemente già parlato, anche se la novità dell’ultimo momento è che a oggi, 17 aprile 2017, il servizio è attivo in oltre 576 città del pianeta incluse quelle tricolori (Milano e Roma) grazie a una richiesta, accolta, di sospensione del blocco precedentemente impartito dal Tribunale di Roma.

Si attende quindi un responso finale, o quantomeno un passo avanti per una vicenda non certo di piccola portata, dopo il reclamo dell’azienda americana che opponendosi al primo veto imposto (non il solo, contando i molti Paesi in cui opera con regole diverse da quelle USA) continua a erogare servizi teoricamente sino al 5 maggio, data prevista del prossimo giudizio.

La crescita dell’azienda di San Francisco negli ultimi tre anni è stata vertiginosa anche fuori dalla madre patria, ma pare che i diversi contesti richiederanno non pochi correttivi rispetto a quanto predisposto durante l’approccio iniziale, tanto in Europa quanto in Asia. Ci sono questioni non solo di concorrenza tra privati ma anche di natura fiscale. A beneficiarne dovranno essere, secondo le migliori intenzioni non facili da applicare, rispettando diritti e regole di Paesi che non prevedevano certi servizi, utenza finale ma anche mercato del lavoro.

Intanto una petizione online, che sarà consegnata in Tribunale a Roma, sfiora oggi le ventitrémila firme per il caso italiano. Uscendo dall’Europa, è di questi giorni la notizia che dopo uno stop imposto a febbraio, con pesante sanzione, Uber torna operativo in forza sul mercato taiwanese a quanto dichiarano le fonti interne, accordandosi con governo e altri operatori del settore (incluse società di noleggio veicoli) per riattivare i propri servizi su Taipei.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close