• 12 Maggio 2021 6:58

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Sutton sbanca Reggio Emilia, Torino regola Brindisi

Feb 26, 2017

domenica 26 febbraio 2017 20:37

ROMA – Nella quinta giornata del girone di ritorno, terza sconfitta consecutiva per la Red October Cantù che in casa viene sconfitta 79-73 da Capo d’Orlando. La Betaland parte fortissimo portandosi addirittura a +25 all’intervallo lungo prima di subire la tardiva ed infruttuosa rimonta dei brianzoli, guidata da Pilepic e Dowdell. Cantù però si ferma sul -6. Ora la situazione si complica e non poco per la formazione lombarda che rischia di essere risucchiata nella zona caldissima della classifica anche alla luce delle vittorie di grande peso ottenute da Pesaro e Cremona: i marchigiani infatti, grazie ad uno strepitoso Thornton (28 punti) e al solito Jones (17 punti e 9 rimbalzi) hanno superato 76-71 – recuperando anche uno svantaggio di 13 punti accumulato nei primi 10 minuti – una Dinamo Sassari che arrivava all’Adriatic Arena in un ottimo stato di forma. Dal canto suo la Vanoli ha centrato il secondo successo di fila sconfiggendo 91-82 – trascinata da uno strepitoso Thomas (22 punti e 13 rimbalzi) – la Reyer Venezia

TORINO OK – Torino batte Brindisi recuperando dieci punti di svantaggio. L’Enel nel terzo quarto è volata sul 58-48 col canestro di Donzelli ma stavolta la Fiat, reduce da due sconfitte consecutive, è tornata a contatto alla fine del periodo (64-68). Il sorpasso l’ha timbrato la tripla di Peppe Poeta (71-70), poi Mazzola e Wright hanno ispirato un mini allungo (88-83). La tripla di Goss ha riportato un solo possesso tra le due squadre (88-86) ma Torino l’ha chiusa dalla lunetta con Washington e Wright. Per Torino 19 punti di Mazzola e 23 di Wilson. Per Brindisi 19 di Mbaye, 21 di Scott.

TRENTO CORSARA – La Dolomiti Energia passa d’autorità a Reggio Emilia (75-87) e conferma il proprio eccellente stato di forma. La Grissin Bon è partita bene (25-17 a fine primo quarto) toccando anche il +12. La riscossa per gli ospiti è partita da Sutton (21 punti alla fine), protagonista del 12-2 che ha riportato le squadre in parità. Trento ha poi preso il comando nel terzo quarto, chiudendo il parziale sul 54-59. E’ stato ancora Sutton a fare la differenza nel finale, con Reggio Emilia evidentemente sulle gambe e scivolata anche a -14. De Nicolao ha provato a fermare l’emorragia ma la squadra di Buscaglia ha confermato la propria solidità chiudendo la gara senza soffrire.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close