• 5 Ottobre 2022 23:31

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

LE RABBIA DI COSMI E IL VERO BARI DI STELLONE

Ott 22, 2016

di Tullio Calzone

domenica 23 ottobre 2016 01:52

Ci va giù duro stavolta Serse Cosmi e, nonostante l’asprezza delle parole che apriranno disquisizioni moralistiche da parte dei soliti noti sempre pronti a gridare allo scandalo, verrebbe da dire che l’estemporanea esternazione è finanche un buon segnale. Sì, Serse è tornato con la sua autenticità mentre tutti immaginavano che stesse preparando la fuga. Invece non ha nessuna intenzione di abbandonare la nave che rischia di colare a picco. Non è da lui. Anzi, la rabbia che emerge dalla sfuriata a caldo e dalle sue inequivocabili battute (“Ho un’accozzaglia di calciatori.. Un tentativo di squadra”) è il segno che il suo Trapani non si rassegnerà all’ultimo posto e onorerà la straordinaria avventura che ha fatto vivere alla società e ai suoi tifosi solo pochi mesi fa, spingendosi sino alle soglie della A.

Perché poi mollare quando non si è consumato neanche un quarto di torneo? Basta poco a risalire. Prendiamo il Bari. Agitatesi inutilmente, tante prefiche dovranno accantonare i loro canti luttuosi. Stellone ha la risposta che attendeva e la sua panchina è salva, a dispetto di tanti ipercritici pronti a chiedere la testa dell’allenatore biancorosso per responsabilità non tutte sue. Se hai un gruppo che non funziona, anche perché costruito tra le avversità dopo un problematico e travagliato cambio di proprietà, non è che puoi semplicemente cercare capri espiatori.

D’altra parte gli avvicendamenti in panchina degli ultimi anni (Nicola per Mangia e Camplone per Nicola) hanno tenuto inchiodato il Bari in B. Anzi, forse l’errore maggiore della gestione Paparesta, è stato proprio quello di farsi prendere dalla smania di cambiare alle prime avversità. Ecco perché è stato saggio rinnovare la fiducia al tecnico capitolino dopo il sostegno ricevuto dalla gente. Occorre tempo per costruire e i giudizi frettolosi suonano ingenerosi verso Stellone che ci sta mettendo non solo l’anima in questa storia. I problemi non saranno cancellati dal successo sul Trapani. Ma recuperando l’organico il Bari può tornare da vertice. O no?

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close