• 23 Ottobre 2021 23:37

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Törggelen: vino novello e sapori tipici nelle osterie contadine dell’Alto Adige

Set 12, 2016
Caldaro-Helmuth Rier_Lago di Caldaro

La tradizione del Törggelen nelle osterie contadine dell’Alto Adige

Tornano ad aprire i battenti agli ospiti amanti del vino e delle tradizioni i Buschenschank, le tipiche osterie contadine dell’Alto Adige, che tra fine settembre e fine novembre celebrano la tradizione del Törggelen. Come ogni anno, infatti, i masi e i locali tipici dell’area del Renon e lungo la Strada del Vino altoatesina sono i protagonisti della stagione autunnale di Bolzano e dintorni.

La tradizione affonda le sue radici nel Medioevo. Nel periodo del Törggelen – parola che deriva dal latino torquere (torchiare) – quando si erano appena pressate le uve prodotte nelle vigne dei masi, sulla porta ingresso delle osterie veniva infatti appesa una frasca verde (buschen) che fungeva da segnale di benvenuto al viandante. L’occasione di una visita era così il pretesto per assaggiare il vino nuovo.

Il sentiero del castagno

Il rito si ripropone oggi nel tempo della vendemmia. E gli splendidi panorami dolomitici attorno a Bolzano consentono di approfittate anche di passeggiate tra antichi castagni, alla scoperta delle migliori produzioni locali. Percorrendo ad esempio il “sentiero del castagno” – che parte da Castel Roncolo a Bolzano e arriva fino a Varna nei pressi di Bressanone passando per l’altipiano del Renon – i locali Buschenschank invitano a una sosta per degustare le delizie culinarie del Törggelen e inoltre i contadini offrono prodotti regionali in vendita diretta.

Lungo il percorso di possono anche visitare testimonianze d’arte e di cultura che ricordano una storia secolare, nonché luoghi mistici che raccontano di streghe, maghi e spiriti.

Törggelen com’era una volta

Il vero Buschenschank deve essere situato in una zona vitivinicola e, a differenza dello Hofschank (osteria contadina), deve tassativamente produrre e offrire esclusivamente vino proprio, dunque il gestore è anche viticoltore. Ma accanto al vino (non solo “novello”) in queste osterie si possono scoprire i sapori più tipici della cultura gastronomica contadina altoatesina: i salamini affumicati (kaminwurzen), lo Speck, i canederli (knödel), la zuppa di orzo, i ravioli agli spinaci (schlutzer), le salsicce fatte in casa, formaggi, torte e altre prelibatezze. Il tutto nella calda atmosfera delle Stuben che sono il cuore dei Buschenschänk.

Sono sette gli agriturismo altoatesini certificati Gallo Rosso che aderiscono all’iniziativa “Törggelen com’era una volta”, dall’1 ottobre al 26 novembre nella zona di Bolzano e dintorni: Ebnicherhof (Soprabolzano/Renon) con i suoi Müller Thurgau e Pinot Nero; Ebnerhof (Campodazzo/Renon) tra Veltliner e Zweigelt, Gewürztraminer, Pinot bianco, Sauvignon, Pinot Nero e Schiava (www.weingutebner.it); l’antico Föhrner (Bolzano), documentato dal 1135, con Chardonnay e Pinot dai profumi fruttati; Luggin Steffelehof (Caldaro) con piatti della cucina contadina, vini e mosto d’uva Sußer (www.luggin-steffelehof.com); Oberlegar (Terlano) con Pinot bianco in due Stuben; Planitzer (Montagna) tra piatti della tradizione e Cuvée bianca, composta di uve Pinot bianco, Sauvignon e Gewürztraminer (www.planitzer.it); Steidlerhof (Bolzano) con i vini Santa Maddalena, Schiava, Cabernet e Moscato rosa (www.steidlerhof.bz).

Un autunno di eventi enogastronomici

L’autunno altoatesino si preannuncia denso di eventi. A inizio settembre ci sono state le giornate del vino a Caldaro, tra settembre e novembre tre giornate di VinoSafari sulla Strada del Vino dell’Alto Adige, Bacchus Urbanus ogni sabato di settembre e ottobre a Bolzano, le Giornate d’autunno a Termeno (30 settembre-1 ottobre), l’1 ottobre a Caldaro Vino e Cucina, l’ultima consegna dell’uva a Cornaiano il 15 ottobre ad Appiano, il 22 ottobre Il vicolo del vino a Termeno e la Festa del Ringraziamento a Bolzano, Gioia dei sensi a Termeno (27-29 ottobre) e Autochtona a Bolzano (24-25 ottobre).

Info: Consorzio Turistico Bolzano Vigneti e Dolomiti, tel. 0471 633488

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close