• 29 Settembre 2022 19:26

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Terremoto, prima notte di freddo e scosse. Gli sfollati: restiamo qui, dateci le tende

Ott 31, 2016

stata una notte di freddo e scosse quella vissuta dalle popolazioni di Umbria, Marche e Lazio colpite dal nuovo terremoto, che hanno dormito in auto, nelle strutture di accoglienza allestite dalla Protezione civile o, per chi ha accettato di spostarsi, negli alberghi sul Trasimeno. Centinaia le nuove scosse registrate durante la notte: la pi forte, di magnitudo 4.2, rilevata alle 2.27 in provincia di Perugia.

Al momento sono oltre 15mila gli sfollati assistiti dalla Protezione civile. Il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, ha assicurato che subito ci saranno case prefabbricate per chi fugge dai luoghi colpiti dal sisma. E il commissario per la ricostruzione, Vasco Errani, avverte: Tutti i test di agibilit sono da rifare. Intanto, oggi pomeriggio atteso il consiglio dei ministri straordinario convocato dal premier Matteo Renzi, che decider i nuovi interventi per la ricostruzione.

Oltre 15mila persone assistite

Secondo i dati forniti dalla Protezione civile, oltre 500 persone al momento sono accolte in strutture alberghiere nell’area del Trasimeno e oltre 4mila negli alberghi sulla costa adriatica. A queste si aggiungono circa 3mila persone nella Regione Umbria e altre 7mila nelle Marche ospitate in strutture di prima accoglienza allestite a livello comunale.

I dati, avverte la Protezione civile, sono da considerarsi in continua evoluzione e aggiornamento. Rimangono, inoltre, tra gli assistiti a seguito del sisma del 24 agosto, oltre 1.100 cittadini ospitati in alberghi e strutture ricettive – prevalentemente a San Benedetto del Tronto –, presso le abitazioni del progetto “Case”. nel comune dell’Aquila o nei Map localizzati in altri comuni dell’Abruzzo,ma anche nelle residenze sanitarie assistenziali nelle quattro regioni colpite dal sisma.

Ridateci le tende, restiamo qui

Scrivetelo che devono darci le tende. I cittadini di Norcia sono abituati al freddo, non ci spaventa. Preferiamo avere una tenda e restare vicino alle nostre case. A parlare il signor Adolfo, un abitante di Norcia in fila, come molti altri, per una colazione calda alla mensa della protezione civile. Io ho perso due case, ma voglio restare qui – continua Adolfo – anche perch le tende di adesso non sono ‘teli’ come quelle di una volta. Sono riscaldate, ci staremmo benissimo. La posizione di Adolfo quella della maggior parte degli abitanti di Norcia, che sulle tendopoli hanno protestato contro il sindaco della citt umbra, Nicola Alemanno.

La Regione assicura comunque che gi nelle prossime ore saranno montate tensostrutture collettive dove la comunit potr passare la notte. Uno strumento che si aggiunge al trasferimento negli alberghi del Trasimeno e al contributo per l’autonoma sistemazione.

Una situazione che la presidente della regione Umbria, Catiuscia Marini sta affrontando in un incontro a Cascia con il capo della protezione civile Fabrizio Curcio e il commissario governativo Vasco Errani. Vertice che si sposter poi negli altri centri colpiti dal sisma.

Le strutture di accoglienza collettive sono gi in arrivo e nelle prossime ore sar deciso dove collocarle. Per affrontare il problema degli sfollati con anche questo strumento che si aggiunge al trasferimento negli alberghi del Trasimeno e al

contributo per l’autonoma sistemazione.

Un fermo immagine tratto da un video dell’Ingv nostra la propagazione delle onde sismiche, 30 ottobre 2016. ANSA

Alfano: subito case prefabbricate per chi fugge

La cosa pi importante ora che gli sfollati raggiungano destinazioni pi sicure dove sistemarsi in modo idoneo ha detto il ministro Alfano in un’intervista al Messaggero, spiegando che certamente, non semplice affrontare questo tema, perch presenta tante implicazioni delicate, anche psicologiche delle quali terremo conto e ci faremo carico in ogni modo possibile.

Ci sono dispositivi di reazione del nostro sistema di soccorsi pronti per l’operativit in ogni parte del Paese e a maggior ragione per la Capitale – ha aggiunto – Roma ha risentito del sisma di ieri in maniera molto acuta. Ovviamente gli interventi si sono concentrati nella zona umbro-marchigiana e in quella reatina. E in confronto a quelle regioni non si pu parlare di emergenza a Roma. Per la ricostruzione metteremo a disposizione tutti i fondi necessari.

Gli aggiornamenti via Twitter dei Vigili del fuoco

Errani: test di agibilit da rifare

Se dopo un terremoto ne arriva un altro e poi un altro di magnitudo 6.5, devi rifare tutti i controlli e le schede Aedes per l’agibilit dei fabbricati ha detto il commissario per la ricostruzione Errani a Repubblica, sottolineando che il lavoro fatto adesso va qualificato e rafforzato. Ma non stato tutto sprecato, non partiamo da zero. Io non mi scoraggio, tra le gente c’ paura e preoccupazione e per questo bisogna esserci, parlare, per dare la spinta.

Ora, aggiunge, si riparte da uno scenario profondamente diverso. Oggi ci sar il Consiglio dei ministri, il presidente del Consiglio ha gi confermato che tutto ci che sar necessario verr messo in campo. Prima di impostare nuovamente il lavoro per le verifiche di agibilit pensiamo alle persone: dobbiamo far comprendere che tutto pensato per far rinascere le comunit quanto prima.

A Roma scuole chiuse e chiese inagibili

Nella Capitale oggi scuole chiuse per disposizione del sindaco Virginia Raggi, che ieri ha emesso un’ordinanza in via cautelare per permettere di svolgere i controlli sullo stato di agibilit e sicurezza delle strutture.

Inagibili anche due chiese del centro storico di Roma e uno ai Castelli romani, chiuse in via precauzionale dai vigili del fuoco in seguito al terremoto.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close