• 2 Ottobre 2022 17:31

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Francesco in Svezia: dopo 500 anni la commemorazione di Lutero

Ott 31, 2016

la prima volta che un Papa commemora con i luterani della grande spaccatura di mezzo millennio fa, ma le novit nel papato di Francesco sono frequenti. Oggi inizia la commemorazione per i 500 anni – che ricorreranno tra un anno esatto – da quando Il monaco agostiniano Lutero affisse le 95 tesi sul portone della cattedrale di Wittenberg, e che in pochi anni portarono alla Riforma luterana. E oggi Francesco commemorer (e non festegger, come paventato dal cardinale tedesco Muller, non proprio entusiasta di questo “passo”) l’inizio della Riforma a Lund in Svezia insieme con i luterani.

Un viaggio breve ma rivoluzionario. Che inizier questa mattina con il decollo da Fiumicino alla volta di Malm, citt all’estremo sud della Svezia. Nella giornata, il Papa far visita alla famiglia reale svedese nella vicina citt storica di Lund, dove stata fondata la federazione luterana. Quindi, nella cattedrale si celebrer una preghiera ecumenica comune, poi nello stadio di Malm vi sar un incontro pubblico con le delegazioni ecumeniche. Il giorno dopo, Francesco dir la messa con la piccola comunit cattolica svedese, sempre a Malm, e poi a Roma.

Arriva ad un traguardo visibile completamento di un percorso di dialogo ecumenico iniziato mezzo secolo fa nel cuore dell’Europa degli scismi da papi europei (in particolare Wojtyla e Ratzinger) e che culmina con un pontefice latino-americano, che dopo il riavvicinamento accelerato con gli ortodossi, specie i russi, ora va verso i protestanti, 800 milioni complessivi al mondo sparsi per le molte chiese che fanno capo al protestantesimo (80 milioni i luterani). In questo percorso di dialogo ci siamo riconciliati e riconosciuti fratelli e sorelle uniti nella fede a Cristo. Un processo che ci ha fatto comprendere diversamente la storia.

E nel contesto in cui viviamo oggi, in un mondo frammentato, ferito da conflitti, credo che la testimonianza di riconciliazione, di comunione tra i cristiani, il fatto che luterani e cattolici davanti al mondo esprimano la misericordia e il perdono, una testimonianza potente di Cristo al mondo e credo possa diventare un grande contributo, dice il reverendo Martin Junge, segretario generale della Federazione luterana mondiale, che insieme al cardinale Kurt Koch, presidente del Pontificio Consiglio per la promozione dell’unit dei cristiani, ha commentato il viaggio-evento di Bergoglio. Se qualcuno ci avesse detto solo qualche anno fa che avremmo avuto una commemorazione comune tra luterani e cattolici della Riforma, molti avrebbero detto: impossibile. E lo svizzero-tedesco cardinale Koch ha sottolineato come in passato il ricordo della Riforma ha avuto sempre toni trionfalistici e polemici. Non si tratta perci di celebrare, di festeggiare la divisione, ma al contrario di ringraziare per tutto ci che fin d’ ora ci unisce, nella comunione di Cristo.

Papa Francesco alla vigilia del viaggio apostolico ha concesso una lunga intervista a p. Ulf Jonsson, direttore della rivista dei gesuiti svedesi Signum, insieme al direttore de La Civilt Cattolica, p. Antonio Spadaro. Non si pu essere cattolici e settari, ha detto il Pontefice che ha parlato, tra gli altri argomenti, delle sue amicizie con luterani gi da ragazzo e poi ai tempi del suo ministero episcopale. E ha parlato della sfida spirituale per le Chiese invecchiate; dell’importanza dell’inquietudine in societ segnate dal benessere. A proposito del dialogo ecumenico sottolinea l’importanza di camminare insieme per non restare chiusi in prospettive rigide, perch in queste non c’ possibilit di riforma. E un contributo sul significato del viaggio venuto dal Il cardinale Pietro Parolin, segretario di Stato, abile tessitore di tele diplomatiche un tempo considerate impossibili: Per la prima volta cattolici con la presenza del Papa e luterani, commemorano insieme questo quinto centenario della riforma.

E io penso davvero che si pu parlare di un momento storico, si pu parlare davvero di una pietra miliare nel cammino di riconciliazione e di ricerca comune dell’unit fra le Chiese e le comunit ecclesiali. Oggi la scelta ecumenica una scelta irreversibile, e nonostante abbia conosciuto e conosca anche difficolt credo che si deve andare avanti coraggiosamente. Ai microfoni di Radio Vaticana il pastore Heiner Bludau, decano della Chiesa Evangelica Luterana in Italia, pastore della Comunit Evangelica Luterana di Torino, sottolinea: Le Chiese luterane hanno sempre celebrato i centenari della Riforma. In passato queste manifestazioni si sono svolte ‘contro’ la Chiesa cattolica, o hanno assunto un carattere nazionale. Nel 2017, per, per la prima volta si aperta la possibilit di celebrare questo anniversario in un clima di dialogo. La Federazione luterana mondiale ha lavorato tanto in questa direzione e oggi l’apertura di queste celebrazioni in Svezia, alla presenza di Papa Francesco, un bellissimo segno che sottolinea questo impegno.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close