Sono ancora in corso le verifiche sulle strutture dell’Appennino reggiano nella zona colpita dal terremoto di magnitudo 4.0 questa mattina alle ore 8.21. L’epicentro stato individuato tra i comuni di Villa Minozzo e Toano in provincia di Reggio Emilia e di Frassinoro in provincia di Modena. Al lavoro per verificare eventuali danni la Protezione civile, i vigili del fuoco, i tecnici dei comuni di Villa

Minozzo, Toano, Castelnovo Monti e Baiso. Per ora non sono stati riscontrati danni importanti alle strutture. Secondo i sismologi dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia non c’ alcun legame tra le scosse di terremoto che hanno colpito dal 24 agosto l’Italia centrale e quella registrata stamattina in provincia di Reggio Emilia.

La riunione con i sindaci del cratere

Nuove procedure per velocizzare la tempistica dei rilievi nei Comuni i cui edifici hanno subito danni dal terremoto. Sono 17.346 le richieste pervenute alla Regione Abruzzo per le verifiche di agibilit degli edifici privati danneggiati dal sisma che ha avuto come prima violenta scossa quella del 24 agosto scorso. Risultano effettuati 5.227 sopralluoghi mentre circa 12mila sono quelli che devono essere ancora compiuti. Le cifre sono emerse a Pescara, in Regione, dal presidente della Giunta regionale, Luciano D’Alfonso, in occasione della riunione tecnico-operativa con il commissario Vasco Errani, e con i sindaci dei Comuni del cratere sismico (Campotosto, Capitignano, Montereale, Rocca Santa Maria, Valle Castellana, Cortino, Crognaleto, Montorio al Vomano, Teramo, Torricella Sicura, Tossicia, Castelli, Civitella del Tronto e Campli) oltre che con il sottosegretario con delega alla Protezione civile, Mario Mazzocca, per l’avvio procedurale delle iniziative volte alla cantierizzazione degli interventi di ricostruzione e recupero. Alla successiva riunione hanno partecipato i sindaci dei Comuni fuori cratere (Cagnano Amiterno, Barete, Pizzoli, Isola del Gran Sasso, Colledara, Castel Castagna, Fano Adriano e Pietracamela).

Le nuove procedure accelerano le verifiche

Si dato luogo a una sorta di rivoluzione delle verifiche – ha commentato D’Alfonso – in quanto cambiata radicalmente la procedura. Prima le schede AeDes, relative all’accertamento dell’agibilit e del danno nell’emergenza sismica, erano redatte dalla Pubblica amministrazione, ora, invece, questo adempimento rientra tra gli oneri dei tecnici professionisti incaricati dai proprietari degli immobili danneggiati. Si tratta di un vero e proprio punto di svolta – ha dichiarato il presidente – poich consente di accelerare i tempi e arriva a seguito delle verifiche Fast (Fabbricati per l’Agibilit Sintetica post-Terremoto) che riguarderanno i danni di lieve entit. I fabbricati che, invece, risulteranno danneggiati in misura maggiore, – ha proseguito – andranno sulla modalit AeDes a opera dei tecnici privati incaricati.

I sammarinesi donano un pick up a Castelsantangelo sul Nera

Questa mattina stato consegnato un pick up al Comune di Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata, uno dei comuni del centro Italia epicentro del sisma, dono della Repubblica di San Marino. Il mezzo favorir l’accesso alle zone ancora oggi difficilmente accessibili a causa dei crolli causati dalle scosse. Un gesto di solidariet della Repubblica di San Marino che si inserisce in un progetto di solidariet e di collaborazione pi ampio, che ha visto al lavoro i tecnici della Protezione civile sammarinese per i sopralluoghi e le valutazioni conseguenti. Attivit che si sono affiancate a numerose iniziative private.

Da Save the children uno spazio per i bambini ad Amatrice

Intanto ad Amatrice Save the children, con il sostegno di Bmw Italia, ha realizzato un nuovo spazio dove i bambini colpiti dal terremoto potranno studiare e giocare. La nuova struttura di 400 metri quadri, situata accanto alla nuova scuola ‘Romolo Capranica’, sar un luogo dove bambini e ragazzi potranno studiare, leggere, giocare e svolgere attivit motorie. ll Centro ospita anche la mensa scolastica e sar inaugurato il prossimo 13 dicembre. Hanno donat0 materiali Gruppo Feltrinelli, The Walt Disney Company Italia e ManpowerGroup.

© Riproduzione riservata