• 5 Ottobre 2022 6:42

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Terremoto, Alfano: risposta abitativa a tutti. Nelle Marche il bilancio si aggrava

Ott 29, 2016

L’impegno del Governo di non fare andare via nessuno dai luoghi di origine e dalla loro comunita’, e dare immediatamente una risposta abitativa a tutti, visto che si avvicina l’inverno. Lo assicura il ministro dell’Interno Angelino Alfano parlando a Palermo con i giornalisti . Nella notte intanto si sono registrate nuove scosse tra le Marche e l’Umbria. La piu’ forte, di magnitudo 3.5, e’ stata registrata nella provincia di Perugia all’1:18:10. Preci il comune piu’ vicino all’epicentro. Si prosegue in queste ora alla conta dei danni e all’aggiornamento del numero delle persone assistite oltre quota 4mila che sono state accolte nelle strutture ricettive di Porto Sant’Elpidio e Civitanova Marche (fra palasport, hotel e un treno). Mentre la Commissione Granri rischi avverte: sono probabili nuovi terremoti: i fenomeni sismici che tra agosto e ottobre hanno devastato il centro Italia non solo non ha esaurito la sua spinta, ma potrebbe propagarsi con la stessa intensita’ anche nelle zone limitrofe, perche’ inserito in un evento che in passato ha gia’ manifestato la sua violenza nell’intera area. La Commissione infatti tornata a riunirsi d’intesa con il dipartimento della Protezione Civile dopo le forti scosse del 26 ottobre registrate tra Umbria e Marche.

E proprio nelle Marche la situazione ogni ora che passa sempre pi grave denuncia l’assessore regionale alla protezione civile. Una parte della provincia di Macerata che il sisma del 24 agosto aveva gi provato, ora in ginocchio, pi di ogni altra volta ha spiegato Angelo Sciapichetti, secondo cui la

priorit, adesso, e la cosa pi delicata, convincere la popolazione a lasciare momentaneamente il territorio, perch con il freddo non possiamo allestire tende, e per le casette ci vogliono i tempi tecnici.

Il problema pi grave, e la parte pi difficile – ribadisce Sciapichetti -, convincere gente fortemente attaccata al territorio a lasciarlo per andare in

albergo o in autonoma sistemazione. D’altra parte, chi resta in queste zone montane, ha una forte motivazione, che difficile scardinare. Secondo l’assessore regionale, il timore della popolazione di non tornare pi, invece dobbiamo rassicurarla, perch che ritorner fuori discussione, ma bisogna convincere le persone a fare questo passo, ad allontanarsi

momentaneamente.

Quindi, spiega, il lavoro da fare quello di formazione e informazione, rassicurare e dare speranza, aiutando i sindaci che sono in prima linea. L’altro problema del momento quello delle frazioni: questi piccoli Comuni hanno una miriade di frazioni, alcune sono completamente isolate. A Fiastra, per esempio, sono venute gi per intero. E’ un miracolo che non ci siano state vittime. A mente fredda dovremo studiare questo sisma. A Pioraco, ad esempio, crollata parte del tetto della cartiera: solo perch c’era stato il cambio di turno non erano presenti operai in quel momento, altrimenti sarebbe stato un disastro. Sciapichetti annota infine, parlando dei terremotati del Maceratese: Siamo stupefatti della dignit di questa gente. Gente testarda, che non vuole andarsene, che magari preferisce dormire in auto piuttosto che andare in albergo, vero, ma che ha una grandissima dignit.

Terremoto: Commissione Grandi rischi, probabili nuovi fenomeni

I fenomeni sismici che tra agosto e ottobre hanno devastato il centro Italia non solo non ha esaurito la sua spinta, ma potrebbe propagarsi con la stessa intensita’ anche nelle zone limitrofe, perche’ inserito in un evento che in passato ha gia’ manifestato la sua violenza nell’intera area.

Lo rivela la Commissione Grandi Rischi, tornata a riunirsi d’intesa con il dipartimento della Protezione Civile dopo le forti scosse del 26 ottobre registrate tra Umbria e Marche.

Nella sua analisi dei fenomeni sismici di agosto, la Commissione aveva identificato “tre aree contigue alla faglia responsabile della sismicita’ di agosto – si legge nel resoconto della riunione – che non avevano registrato terremoti recenti di grandi dimensioni e con ilpotenziale di produrre terremoti di elevata magnitudo (M6-7). La sismicita’ del 26 ottobre ha attivato uno dei segmentiindividuati dalla Commissione, a nord dell’evento di agosto, mentre gli altri due segmenti non si sono mossi. In considerazione della contiguita’ con la sismicita’ in corso, questi due segmenti rappresentano possibili sorgenti di futuri terremoti nella regione gia’ colpita dagli eventi degli ultimi anni. Non si puo’ inoltre escludere la prosecuzione della sismicita’ a Nord del sistema del Vettore-Bove. Ad oggi non ci sono evidenze che la sequenza in corso sia in esaurimento”.

La Commissione raccomanda dunque agli amministratori dei territori interessati di mettere in atto tutte le iniziative possibili per accelerare le verifiche di vulnerabilita’ sismica e gli interventi di messa in sicurezza.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close