• 18 Aprile 2021 9:57

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Suicida per video hard, a Napoli i funerali. Quattro indagati per diffamazione

Set 15, 2016

Si sono svolti oggi pomeriggio a Casalnuovo, in provincia di Napoli, i funerali di Tiziana, la 31enne che si suicidata dopo la diffusione sul web, contro la sua volont, di suoi video hard. Per la morte della donna ci sono quattro indagati per diffamazione: si tratta degli amici ai quali Tiziana diede i video e che furono da lei querelati. I quattro furono iscritti lo scorso anno nel registro degli indagati dal procuratore aggiunto di Napoli Fausto Zuccarelli e dal pm Alessandro Milita.

Intanto, oggi il ministro per le Riforme, Maria Elena Boschi, ha partecipato a Reggio Calabria alla riunione in prefettura per mettere a punto misure anti violenza dopo il caso delle tredicenne violentata dal “branco” per due anni a Melito Porto Salvo.

Fascicolo aperto dalla procura di Napoli

L’inchiesta fu avviata nel maggio dello scorso anno quando Tiziana present la querela nei confronti dei quattro per la diffusione in rete dei video. La 31enne fu poi interrogata dai pm di Napoli nell’ottobre 2015. La procura partenopea apr un fascicolo anche per l’ipotesi di reato di violazione della privacy. Il procedimento della procura di Napoli prosegue parallelamente a quello aperto dalla procura di Napoli Nord che indaga per una presunta istigazione al suicidio.

I funerali

Urla e applausi hanno accompagnato il rito funebre della giovane donna suicida.

Preghiamo per la conversione di chi vive nella malvagit ha detto il parroco durante la cerimonia, che ha voluto anche esprimere parole di conforto per la mamma della ragazza. Accanto ai familiari della 31enne tantissime persone che

hanno affollato la chiesa di San Giacomo, tra cui anche l’assessore alle Pari opportunit del Comune di Napoli, Daniela Villani. Tiziana – ha detto l’assessore – vittima di una cultura sessista che tragicamente incide sulla vita delle donne. Il divario di genere comincia dove si stabilisce una demarcazione tra il giudizio destinato a una donna, perch donna, e quello destinato a un uomo, perch uomo.

Boschi: Rompere il muro del silenzio contro violenza

importante dare un segnale forte per rompere il muro del silenzio, perch chi vittima di violenza sappia che non deve vergognarsi. Devono vergognarsi invece coloro che compiono queste violenze, i responsabili di reati veri e propri. Cos il ministro Boschi uscendo dall’incontro in prefettura, a Reggio Calabria, con magistrati, forze dell’ordine, rappresentanti istituzionali, sindacati e associazioni dopo il caso della 13enne vittima di violenza sessuale. C’ dietro – ha aggiunto – un grande lavoro da parte dell’autorit giudiziaria e delle forze dell’ordine per fare emergere questa vicenda. Credo sia importante il lavoro che comincia oggi e continua per tanti aspetti sull’educazione al rispetto, alla parit di genere, al rispetto delle donne e al contrasto ad ogni forma di discriminazione e di violenza, che comincia dalle famiglie e dalla scuola soprattutto.

© Riproduzione riservata

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close