• 22 Maggio 2022 2:46

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Processo Maugeri, il pm di Milano: “Tolti 70 milioni ai malati per i sollazzi di Formigoni”

Set 20, 2016

Il sistema corruttivo al centro del caso Maugeri ha portato a sottrarre “oltre 70 milioni di euro alle cure dei malati lombardi. Milioni di euro pubblici finiti in una percentuale del 25 per cento nelle tasche di Pierangelo Daccò e Antonio Simone per finanziare i sollazzi di Formigoni, dei suoi familiari e dei suoi amici”. E’ il passaggio più duro delle repliche della pm Laura Pedio al processo con al centro la vicenda della fondazione di Pavia nel quale tra i 10 imputati figurano l’ex governatore della Lombardia e attuale senatore di Ncd Formigoni, il faccendiere Daccò, l’ex assessore Simone e l’ex dg della sanità lombarda Carlo Lucchina.

Il pm Pedio – che nella scorsa udienza aveva chiesto per l’ex governatore una condanna a nove anni – ha paragonato Formigoni all’ex senatore statunitense Duke Cunningham, condannato nel 2005 a 8 anni e 4 mesi per corruzione. “Tra i pagamenti corruttivi – ha detto Pedio illustrando il caso Cunningham – c’erano un’imbarcazione per uso e divertimento del membro del Congresso, viaggi aerei, vacanze e anche oggetti d’antiquariato”. Il Tribunale ha rinviato per le controrepliche delle difese al 15 e al 22 dicembre prossimi, giorno, quest’ultimo in cui dovrebbe arrivare la sentenza.

“Per dieci anni – ha sostenuto la pm Pedio nella scorsa udienza – non ha speso un euro dei suoi soldi”, utilizzando contante ottenuto da Daccò e Simone in tagli da 500 euro e facendo vacanze faraoniche, viaggi in barca. “Dal 2002 al 2012 – aveva anche sottolineato – il conto bancario di Formigoni è stato silente”, nel senso che non è uscito un euro. E lui in cambio, sempre secondo l’accusa, avrebbe favorito la Maugeri e il San Raffaele con atti di giunta garantendogli rimborsi indebiti.

Poi la procura aveva chiesto, oltre ai nove anni per l’ex governatore, 8 anni e 8 mesi per Daccò e Simone; 5 anni e mezzo per l’ex direttore generale alla Sanità Carlo Lucchina e l’ex segretario generale della Regione Lombardia, Nicola Sanese; 8 anni e 3 per l’ex direttore finanziario della Maugeri, Costantino Passerino, 5 per l’ex membro dei Memores Domini (l’associazione cattolica di cui fa parte lo stesso Formigoni), Alberto Perego.

DALL’ARCHIVIO:

Le accuse dei pubblici ministeri

I favori di Formigoni alla Maugeri

Le delibere preparate alla Fondazione Maugeri

Formigoni conosceva i conti

– La vacanza ai Caraibi a spese di Daccò

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close