• 6 Dicembre 2021 16:25

Corriere NET

Succede nel Mondo, accade qui!

Potenza, fa abortire più volte la compagna e minaccia di sfigurarla con l’acido: arrestato

Ott 4, 2016

POTENZA – Accusato di continue violenze, fisiche e verbali nei confronti dell’ex compagna, inducendola anche a interruzioni di gravidanza e minacciando più volte di sfigurarla con l’acido, un 46enne è stato arrestato dalla squadra mobile di Potenza, che ha inoltre scoperto che nello scorso mese di settembre l’uomo aveva provocato l’incendio dell’automobile della donna. Il provvedimento della misura cautelare in carcere è stato emesso dal gip di Potenza su richiesta della Procura della Repubblica “per scongiurare la pesante escalation di violenze”, il più delle volte per gelosia.

In un caso l’uomo – che aveva già ammesso di aver tagliato, sempre per gelosia, gli pneumatici al datore di lavoro della donna – è entrato nel negozio in cui lei lavorava danneggiando il bancone: proprio a causa dei comportamenti violenti dell’uomo è stata licenziata. Secondo quanto ricostruito dalla Polizia, l’uomo – che in alcune occasioni ha minacciato la donna anche con una pistola – si era anche impossessato del telefono della donna e delle credenziali di accesso al suo profilo Facebook.

L’arresto è stato eseguito dopo la denuncia presentata nello scorso mese di giugno dalla donna che, in precedenza, ne aveva ritirate altre “su

espressa sollecitazione dell’uomo – è rimarcato dalla polizia – da cui era d’altra parte completamente plagiata”. Durante la scorsa estate, inoltre, l’uomo ha aggredito l’ex compagna in un’area di servizio, colpendola con violenza: dopo questo episodio la donna ha preso la decisione di abbandonare l’abitazione in cui conviveva con il 46enne. Le accuse nei confronti dell’uomo sono di maltrattamenti, lesioni aggravate, minacce gravi continuate e incendio.

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Guarda la Policy

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close